Homepage

Altofonte

 

Storia

L’abbazia di Santa Maria di Altofonte, toponimo derivato dalla presenza di una vicina sorgente, è situata a poca distanza da Palermo, all’interno del parco che circondava il palazzo di Ruggero II, e che quindi aveva preso il nome di Parco Vecchio.

Il complesso monastico nacque nel 1307 per volontà di Federico II re di Sicilia, che volle fondare un’abbazia dedicata all’Annunciazione della Vergine per commemorare la pace di Caltabellotta (1302) che gli aveva assicurato il potere sull’isola. A tal scopo egli mise a disposizione il Parco Vecchio, quello Nuovo, la selva di Partinico e altre terre oltre, naturalmente, al palazzo esistente e in stato di abbandono, che fu trasformato in monastero. Federico II decise che l’abbazia appartenesse all’Ordine cistercense e che essa, nonostante l’investitura del complesso monastico fosse stata data all’abate di Santo Spirito di Palermo, risultasse come filiazione di Santes Creus in Catalogna, dove erano sepolti i suoi antenati.

Il monastero di Santa Maria acquistò ben presto importanza e attorno ad esso sorse il paese di Parco che nel 1930 cambiò nome in Altofonte. Nel 1435 vi fu istituita la Commenda e proprio il cardinale conìmendatario Scipione Borghese nel 1618 fece ricostruire la chiesa che ancora oggi è visibile. Nel 1766 l’abbazia scomparve come ente monastico: i monaci che ancora vi risiedevano si ritirarono a Roccamadore, i beni passarono al demanio e la chiesa divenne parrocchia, mentre i locali ad essa annessi furono adibiti ad abitazione per il parroco e i coadiutori.

Architettura

Secondo la Guida TCI, due sarebbero le chiese di Altofonte: quella madre, ricostruita all’inizio del XVII secolo e intitolata a Santa Maria e a Sant’Anna (con altare maggiore ricco di marmi ed ancora un altro altare a destra con un bassorilievo trecentesco) e, dietro ad essa, una più piccola «già annessa al Palazzo reale, del secolo XII, a navata unica».

Quest’ultima descrizione corrisponderebbe alla pianta della chiesa da noi riportata e ripresa da Dimier. Lo studioso francese la classificava col nome di Altofonte II, edificio del XVIII secolo, il cui disegno gli era stato fatto pervenire dal Soprintendente ai Monumenti della Sicilia occidentale, ma a nostro avviso Dimier può forse aver commesso un errore di datazione nella sua scheda, attribuendo alla pianta della Altofonte medievale le notizie storiche relative alla ricostruzione seicentesca, da lui posticipata al secolo successivo. Questa ipotesi troverebbe conferma sia nelle dimensioni modeste (15 metri di lunghezza per circa 5 di larghezza) sia nella tipologia dell’edificio (a navata unica con abside semicircolare) più consone alla cappella di un palazzo che ad una chiesa barocca.

La pianta riportata potrebbe dunque rappresentare il primitivo oratorio dell’abbazia cistercense, ricavato dalla cappella del palazzo di Ruggero II. Dalle fonti consultate non è poi chiaro se Scipione Borghese nel 1618 avesse costruito una nuova chiesa o ne avesse riedificata una già esistente: nel primo caso i monaci avrebbero continuato ad avere come abbaziale, almeno fino al XVII secolo, la piccola cappella, mentre nel secondo si dovrebbe ipotizzare l’esistenza di un altro edificio ecclesiale, successivo ad essa e scomparso con i lavori di rifacimento seicenteschi.

Bibliografia

L. JANAUSCHEK, Originum Cisterciensium, tomo I, Vindobonae 1877, ristampa anastatica Ridgewood (U.S.A.) 1964, p. 268, DCXCVIII;

B. G. BEDINI, Le abazie cistercensi d’Italia, Casamari 1980 (IV ed.), pp. 174-175.

Foto

Altofonte
Nome completo: Santa Maria di Altofonte 
Nome originario: Altus-Fons; Lucusianum 
Nomi alternativi:  
   
Ordine originale: Cistercensi 
Ordine attuale: Parrocchia 
Congregazione attuale:  
Filiazione di: Santes Creus
Linea di: Clairvaux
N. di fondazione: (Janauschek): 698 
Stato Giuridico: Abbazia 
Figlie
 
Date
Fondata nel: 1307 
Cistercense nel: 28/06/1307 
Chiusa nel: 1766 
Riaperta nel:  
Richiusa nel:  
Indirizzo

90030  Altofonte (PA)
Italia
Regione: Sicilia 
Nazione: Italia 
Diocesi antica: Montis-Regalis
Diocesi attuale: Monreale
Coordinate:
13.29875, 38.0451666666667
Google Maps wikimapia
Latitudine: 13° 17' 55''
Longitudine: 38° 2' 42''
Contatti
Telefono:  
Fax  
e-mail
Indirizzo Web Web
Wiki   
Stato dell’edificio: Intatto con comunità
Stile dell’edificio: Barocco - Rococò
Visita: Possibile
Attività
Lavori:
Shop Negozio: