Homepage

Stefano del Bosco, Santo

 

Storia

Dopo essersi ritirato nel 1084 a Grenoble, nel 1090 san Bruno, fondatore dell’Ordine certosino, fu richiamato a Roma da papa Urbano Il. Spintosi poi fino in Calabria ottenne in dono da Ruggero II un terreno chiamato La Torre e vi fondò nel 1091 la certosa di Santa Maria del Bosco o Santa Maria della Torre. Il complesso doveva essere costituito solo da una piccola chiesa e da alcune celle per i monaci, mentre a poca distanza si trovavano delle abitazioni per i laici che li aiutavano.

Proprio in quest’ultimo luogo (l’attuale Serra San Bruno) fu fondato nel 1097 il monastero di Santo Stefano che nel 1150 chiese di entrare a far parte dell’Ordine cistercense come filiazione di Fossanova. Dopo qualche anno (1193) anche Santa Maria della Torre fu trasferita ai cistercensi da papa Celestino III e divenne priorato di Santo Stefano che nel 1185 aveva intanto fondato l’abbazia della SS.Trinità del Legno in diocesi di Rossano.

Nel 1514 Leone X riconsegnò nelle mani dei certosini il complesso abbaziale e durante il XVI secolo furono costruiti la chiesa e il chiostro dei quali oggi si vedono i ruderi, ruderi provocati dal terremoto del 1783 che distrusse Santo Stefano.

Nel 1808 la certosa, di cui restavano solo rovine, fu soppressa da Gioacchino Murat. Nel 1856 i certosini, su richiesta degli abitanti di Serra San Bruno , tornarono ma solo nell’ultimo decennio del secolo si iniziarono i lavori di ricostruzione del complesso conventuale. Nel 1899 la nuova chiesa e gli edifici conventuali, costruiti su progetto dell’architetto francese Pichat, erano terminati e la Certosa di Santo Stefano si presentava come la possiamo vedere ancora oggi, vicino ai ruderi cinquecenteschi.

Architettura

Come detto i ruderi che appaiono oggi (la facciata della chiesa con alcuni pilastri e gran parte del chiostro) sono cinquecenteschi e quindi posteriori al periodo cistercense. Durante i quasi quattro secoli di permanenza a Santo Stefano i monaci bianchi o non hanno costruito niente accontentandosi delle strutture originarie certosine o il frutto del loro lavoro è stato cancellato dai rifacimenti del XVI secolo.

Bibliografia

D. TACCONE-GALLUCCI, Memorie storiche della Certosa de’ Santi Stefano e Brunone in Calabria, Napoli 1885;

Stefano del Bosco, Santo
Nome completo:  
Nome originario: Sanctus Stephanus de Bosco 
Nomi alternativi:  
   
Ordine originale: Cistercensi 
Ordine attuale:  
Congregazione attuale:  
Filiazione di: Fossanova
Linea di: Clairvaux
N. di fondazione: (Janauschek): 316 
Stato Giuridico: Abbazia 
Figlie
  1. SS. Trinità del Legno (1185-1819; 1945-…)
 
Date
Fondata nel: 1150 
Cistercense nel: 1150 
Chiusa nel: 1513 
Riaperta nel:  
Richiusa nel:  
Indirizzo
Santo Stefano del Bosco
89822  Serra San Bruno (VV)
Italia
Regione: Calabria 
Nazione: Italia 
Diocesi antica: Squillacensi
Diocesi attuale: Squillacensi
Coordinate:
38.56474110856006, 16.32013874228528
Google Maps wikimapia
Latitudine: 38° 33' 53''
Longitudine: 16° 19' 12''
Contatti
Telefono:  
Fax  
e-mail
Indirizzo Web Web
Wiki   
Stato dell’edificio: Intatto con comunità
Stile dell’edificio: Barocco - Rococò
Visita: Guidata con offerta
Attività
Lavori:
Shop Negozio: