Homepage

Badia a Settimo

 

Storia

Fondazione cluniacense, prima del 998, passata al Cistercensi il 18 marzo 1236.

Lotario del Cadolingi, della potente famiglia comitale, costruì qualche anno prima del 1000 un monastero affidandolo ai benedettini cluniacensi. Il luogo scelto, chiamato Settimo, già era munito di una pieve, documentata fin dal 724. Ripetuti privilegi imperiali e papali con le donazioni di beni immobili che si susseguirono ininterrottamente fino al secolo XIV ed oltre, assicurarono all’abbazia un cospicuo patrimonio terriero.

Fin dagli inizi, Badia a Settimo, fu “un centro di opposizione alla dilagante simonia del clero secolare: non a caso san Giovanni Gualberto, ritirandosi sui monti di Vallombrosa nel 1036, vi trovò già due monaci di Settimo, e di Settimo era abate il Guarino che fu prodigo di consigli al Santo riformatore; fatto sta che l’appena nato Ordine vallombrosano s’insediò per qualche tempo nel monastero di San Salvatore (non sappiamo con quali modalità né - di preciso - per quanto, pur essendoci di sicuro verso il 1073-76, ma non più agli inizi del 1090) e qui si svolse il 3 febbraio 1068 la celebre prova del fuoco di Pietro Igneo per dimostrare la colpevolezza del vescovo di Firenze Pietro Mezzabarba”.

L’eccellente posizione economica provocò inevitabilmente una decadenza nell’impegno religioso, culturale e sociale dei monaci, che sembra ospitassero degli eretici patarini. Fu perciò inevitabile una drastica riforma, concretizzata da Gregorio IX con la bolla del 18 marzo 1236, che sostituì i cluniacensi con i cistercensi, provenienti da San Galgano. Essi fecero ingresso in Settimo il 17 giugno 1236.

L’importanza e il prestigio di Settimo aumentò notevolmente con l’ingresso dei cistercensi, sebbene con alterne vicende, sia per l’attività economica, come pure per quella pastorale, culturale artistica e socio-politica.

Dal Trecento, fino alla metà del secolo XII si registrano trasformazioni e adattamenti nelle strutture architettoniche, che tuttavia non permetteranno all’impianto di Settimo di uniformassi totalmente alla planimetria costruttiva cistercense, al cosiddetto Bernardinischer Grundtypus.

Nel 1436 è concessa in commenda al Cardinale Domenico Capranica. La commenda per Settimo, contrariamente ad altri monasteri, risultò estremamente positiva, con una rinascita spirituale tale che permetterà alla comunità già dal 1465 di essere scelta per riformare diversi monasteri, tra cui le illustri abbazie di Chiaravalle Milanese, Morimondo Coronato e le Tre Fontane.

Il 23 dicembre 1497 Settimo entra a far parte della Congregazione Cistercense di San Bernardo in Italia. Le riforme attuate nei decenni precedenti e, quindi, il buon tenore di vita spirituale della comunità contribuiranno, molto probabilmente, ad assegnare a Settimo un ruolo di primo piano nella organizzazione della nascente congregazione per i secoli successivi, come si è detto.

Dall’inizio del Seicento in poi, la storia di Settimo si lega sempre più a quella di Cestello in Firenze. Infine la presenza di Ferdinando Ughelli, come abate di Settimo, proprio nel periodo della stesura della Italia Sacra, lascia supporre che la biblioteca dell’abbazia fosse sufficientemente fornita da permettere la compilazione di una così vasta opera di erudizione.

Il Settecento segna ancora momenti di vitalità, certamente non più paragonabili a quella di alcuni secoli precedenti. Il 27 luglio 1782 segna la fine di Badia a Settimo come abbazia cistercense per la soppressione decretata dal granduca di Toscana Pietro Leopoldo, e la susseguente vendita del patrimonio terriero e degli stessi ambienti claustrali. Attualmente la chiesa abbaziale è parrocchia e una minima parte delle strutture monastiche è stata riservata per la canonica, il resto è proprietà della famiglia Tanini.

(Goffredo Viti)

Architettura

La chiesa trovata dai Cistercensi era a tre navate, con copertura lignea, tre absidi e la cripta; non sembra che essi abbiano apportato radicali cambiamenti. Infatti l’ossatura attuale dell’edificio chiesastico è la stessa di quello antico (tre navate scandite da pilastri e conclusa ciascuna da un absidiola semicircolare) e sono praticamente rimasti intatti il muro perimetrale sinistro, con la relativa absidiola, e la cripta, coperta con crociere lisce, con sottarchi rinforzati da costoloni massicci; quest’ultimo elemento si fa risalire alla fine dell’XI secolo o al principio del seguente.

I monaci bianchi introdussero qualche elemento gotico, come finestre ogivali, integrazione di materiale laterizio e una copertura a capriate. In seguito, in epoca già rinascimentale, si diffusero elementi derivanti dai modelli brunelleschiani: infatti il presbiterio, di pianta rettangolare, ha le pareti modellate da arcate cieche sul tipo di quelle della Sagrestia Vecchia.

Durante l’ultimo conflitto la chiesa subì gravi danni: infatti la torre campanaria ottagonale è un’integrale ricostruzione di quella originale, distrutta nel 1944.

Bibliografia

Dizionario degli Istituti di Perfezione, Roma 1974 (in corso), VIII (1988), coll. 1453-1456 (G. VITI).

FONTI INEDITE

ARCHIVIO DI STATO DI FIRENZE:

Compagnie Religiose Soppresse: Filze: 386, fascicolo, 3; 387, 5, 6, 7; 388, 8; 392, 13; 396, 17, 18; 397, 19; 398, 20, 21; 404, 32; 405, 33; 406, 34; 410, 49; 411, 50; 413, 53, 54, 55; 432, 134, 135, 136, 137, 138, dalla filza 476, fascicolo 299 alla filza 520, fascicolo 429; 549, fasc. 529.

Diplomatico dei Cistercensi: n. 38, I parte e n. 38, II parte.

Regio Diritto, Filze: 5270, 5271, 5279, 5280 e 5281.

Bigallo, inventario 144.

Patrimonio Ecclesiastico: Cistercensi.

ARCHIVIO DELL’OSPEDALE DI SANTA MARIA NUOVA AGLI INNOCENTI:

Soppressione dei Cistercensi.

ARCHIVIO DEL SEMINARIO MAGGIORE DI CESTELLO.

ARCHIVIO ARCIVESCOVILE DI FIRENZE.

ARCHIVIO PARROCCHIALE DEI SANTI LORENZO E SALVATORE A SETTIMO.

BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE DI FIRENZE, SALA MANOSCRITTI:

Conventi Soppressi: Cistercensi.

Biblioteca Nazionale Centrale Vittorio Emanuele, Roma, Fondo Sessoriano: vol. 222.

FONTI EDITE

CANIVEZ, Indices, 1941, vol. VIII, p. 460.

KEHR, Italia …, 1908, vol. III, pp. 51-54.

RICHA, 1761, vol. IX, pp. 191-235.

UGHELLI, 1717-1721, vol. III, pp. 9, 34, 41, 114.

VITI G., I Cistercensi nel fondo Compagnie Religiose Soppresse dell’Archivio di Stato di Firenze. Indagine archivistica, in “Notizie Cister-censi”, XI (1978), pp. 29-61.

LETTERATURA

AA.VV., La Badia di Settimo. 750 Anniversario del monastero cistercense (1236-1986). Atti della giornata di studio, 25 ottobre 1986, promossa dal Comune di Scandicci, Assessorato alla Pubblica Istruzione e Assessorato alla Cultura, di prossima pubblicazione. In questa sede elenco i contributi che ap-pariranno nel volume:

BACCETTI, 1724, vol. I, pp. 23-36.

BEDINI, 1964, pp. 138-139.

BELLOSI L., Buffalmacco e il trionfo della morte, Torino 1974, passim.

BERG K., Studies in Tuscan twelfth-century Illumination, Oslo/Bergen/Tromsö, 1968, pp. 309-310.

BERTELLI C., Affreschi, miniature e oreficerie cistercensi in Toscana e nel Lazio, in I Cistercensi e il Lazio. Atti delle giornate di studio dell’Istituto di Storia dell’arte dell’Università di Roma, 17-21 maggio 1977, Roma 1978, pp. 71-81.

BERTELLI C., Un corale della Badia a Settimo scritto nel 1315, in “Paragone”, XXI (nov. 1970), n. 249, pp. 14-40.

BIGAZZI I., Note d’archivio intorno a San Giuliano a Settimo e San Martino alla Palma.

BURGHER F., Geschichte des florentinischen grabmals von der ältsten Zei-ten bis Michelangelo, Strasbourg 1904, pp. 35-36.

CALZOLAI C. C., La chiesa fiorentina, Firenze 1970, pp. 376-377.

CALZOLAI C. C., La Storia della Badia a Settimo, II ed. completamente ri-fatta, Firenze 1976, la I ed. era del 1958.

CANESTRELLI A., Contributo alla storia della Badia a Settimo, in “L’illustratore fiorentino”, Firenze 1908, pp. 34-42.

CAROCCI G., I dintorni di Firenze, Firenze 1907, II ed., pp. 442-448.

CONTORNI G., Piante settecentesche dei beni di Settimo e Cestello nel territorio fra l’Arno e Mosciano.

COTTINEAU, 1939, vol. II, col. 3021.

DAL PRÀ L., L’“Apparizione della Vergine a San Bernardo” del Maestro della Rinuccini e Badia a Settimo.

DAVIDSON R., Storia di Firenze, Firenze 1956-1965, 8 voll., passim.

DUVERNAY R., Cîteaux. Vallombreuse et Etiénne Harding, in “Analecta Sa-cri Ordinis Cisterciensis”, VIII (1952), pp. 379-495: 381, 391, 467 e 472.

FABRICZY C., von, Memorie della chiesa di Santa Maria Maddalena de’ Pazzi a Firenze e sulla Badia di San Salvatore a Settimo, in “L’Arte”, IX (1906), pp. 255-262.

GARRISON E. B., Studies in the History of Medieval Italian Painting, Firenze, vol. I (1954), pp. 166-168; vol. III (1957-1958), pp. 135-140, 146, 292; vol. IV (1961), pp. 173-178.

GENTILE N., La Badia di Settimo come edificio religioso fortificato.

GHERARDI A., L’antica camera del comune di Firenze e un quaderno d’uscita de’ suoi camarlinghi dell’anno 1303, in “Archivio Storico Italiano”, s. IV, XVI, 1885, pp. 313-361.

GUARNIERI R., Ricordi di una visita apostolica del 1566 ai Cistercensi di Toscana, in “Rivista di storia della chiesa in Italia”, V (1951), pp. 99-106.

GUIDOTTI A., Arredi sacri della Badia di Settimo fra XIII e XVIII secolo: le oreficerie.

GUIDOTTI A., Codici Cistercensi di Badia a Settimo, a Firenze, in Codici Liturgici Miniati dei Benedettini in Toscana, Firenze 1982, pp. 223-252.

GUIDOTTI A., Il ciclo iconografico di un gruppo di codici del Trecento provenienti da Badia a Settimo (Primi appunti Per una storia del patrimonio artistico e librario del monastero di Settimo), in “Notizie Cistercensi”, XII (1979), pp. 1-18.

GUIDOTTI A., La Badia di San Salvatore a Settimo presso Firenze, in Codice Liturgici Miniati dei Benedettini in Toscana. Cenni storici sui monasteri di provenienza, Firenze 1982, pp. 30-34.

GUIDOTTI A., Precisazioni sul Maestro Daddesco in alcuni codici miniati della Badia di Settimo, in La miniatura italiana in età romanica e gotica. Atti del I Convegno di Storia della Miniatura Italiana, Cortona 26-28 maggio 1978, Firenze 1979, pp. 419-441.

JANAUSCHEK, 1877, DCXXIV, pp. 239-240.

JONES PH. J., Le finanze della Badia cistercense di Settimo nel XIV secolo, in “Rivista di storia della Chiesa in Italia”, X (1956), pp. 90-122 (ora ristam-pato in JONES PH. J., Economia e società nell’Italia medievale, Torino 1980, pp. 317-344).

JONGELINUS, 1640, vol. VII, 34, n. 25.

LAMIUS, 1758, vol. I, p. 119 e passim.

LASINIO E., Ancora della Biblioteca di Settimo, in “Rivista delle biblioteche e degli archivi”, XVI (1905), pp. 157-158.

LASINIO E., Della Biblioteca di Settimo e al alcuni suoi manoscritti passati alla Mediceo-Laurenziana, in “Rivista delle biblioteche e degli archivi”, XV (1904), pp. 1-11.

LASINIO E., Un antico inventario della Badia di S. Salvatore a Settimo, Firenze 1904.

LASINIO E., Un cartolare della Badia Cistercense di S. Salvatore a Settimo, in “Rivista Storica Benedettina”, I (1906), pp. 521-545.

LECLERCQ J., Manuscrits cisterciens dans des Bibliotheques d’Italie, in “Analecta Sacri Ordinis Cisterciensis”, V (1949), pp. 98-101.

LUBIN, 1693, p. 363.

LUGANO P., Memorie dei più antichi miniatori e calligrafi olivetani, Firenze 1903, p. 25.

LUPORINI E., Il campanile della Badia di Settimo presso Firenze, in Scritti in onore di Roberto Pane, Napoli 1971, pp. 101-127.

MICCOLI G., Pietro Igneo - Studi sull’età gregoriana, Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, Roma 1960, pp. 1-45 e 137-157.

MORENI D., Bibliografia storica ragionata della Toscana, Firenze 1805, vol. II, p. 508.

NEGRI, 1981, p. 241.

NERI LUSANNA E., Aspetti e problemi della scultura medioevale nella Badia di Settimo.

NICCOLI R., Osservazioni e recenti scoperte sulla Badia a Settimo, in “Mitteilungen des Eunsthistorischen Institut in Florenz”, V (1940), pp. 434-436.

PESCAGLINI MONTI R., I Conti Cadolingi, in I ceti dirigenti in Toscana nell’età precomunale, Pisa 1981, pp. l91-205.

PIATTOLI R., Le carte della canonica della cattedrale fiorentina, 723-1149, Roma 1938.

PIRILLO P., Il fiume come investimento: la Badia di Settimo e il sistema di porti sull’Arno (secoli XIII-XIV).

PROTO PISANI R. C., La presenza di Anastasio Fontebuoni nelle decorazioni della Badia di San Salvatore a Settimo.

REPETTI, 1833-1846, vol. I, pp. 27-28.

ROMEO F. G., La Badia di Settimo: origini, splendore e decadenza, Firenze 1980.

RUSCHI P., Per un disegno della vicenda architettonica di Badia a Settimo.

SALVADORI M. L., Le fasi architettoniche dell’Abbazia di Settimo, in “La Nazione”, 10 gennaio 1929.

SALVINI E., I Cistercensi e il comune di Firenze nel Trecento, in “Notizie Cistercensi”, XI (1978), pp. 179-183.

SFORZINI P., Cenni storici intorno alla Badia di Settimo, Firenze 1855.

TANINI F., Cenni storici intorno alla Badia a Settimo in comunità di Casellina e Torri, Signa 1903.

VANNINI G., Contributi della documentazione materiale per la storia di Settimo.

VASATURO N., L’espansione della Congregazione vallombrosana fino alla meta del secolo XII, in “Rivista della storia della Chiesa in Italia”, XVI (1962), pp. 456-485: 463-464.

VASATURO N., Vallombrosa, note storiche, in Vallombrosa nel IX centenario della morte di Giovanni Gualberto, 12 luglio 1073, Firenze 1973, pp. 23-159: 23, 25-26, 29 e 31.

VITI G., I Cistercensi ritornano a Firenze, in “Notizie Cistercensi”, XI (1978), pp. 145-177.

VITI G., Vicende di Badia a Settimo nel settecento. Prime ricerche.

Foto

Plastico Esterno Esterno Esterno Esterno
Esterno Esterno Facciata della chiesa Navata centrale della chiesa Navata centrale della chiesa
Presbiterio della chiesa Presbiterio della chiesa Altare della chiesa Altare della chiesa Presbiterio della chiesa
Nicchia per gli oli santi della chiesa Chiostro
Chiostro Esterno del capitolo Chiostro Capitolo Capitolo
Retro del capitolo Passaggio Refettorio Scorcio del dispensario
Dispensario Dispensario Dispensario Dispensario
Dispensario Capitello del dispensario Capitello del dispensario Capitello del dispensario Capitello del dispensario
Esterno del dsipensario Esterno del dsipensario Portone del dispensario Dispensario Lato dei conversi
Chiostrino dietro la chiesa Chiostrino dietro la chiesa
Chiostrino dietro la chiesa Stampa  
Badia a Settimo
Nome completo: San Salvatore di Settimo 
Nome originario: Sanctus Salvator de Septimo 
Nomi alternativi:  
 
Ordine originale: Cluny 
Ordine attuale:  
Congregazione attuale:  
Filiazione di: Galgano, San
Linea di: Clairvaux
N. di fondazione: (Janauschek): 624 
Stato Giuridico: Abbazia 
Figlie
  1. Buonsollazzo (04/01/1320-1782)
 
Date
Fondata nel: 998 
Cistercense nel: 17/06/1236 
Chiusa nel: 1783 
Riaperta nel:  
Richiusa nel:  
Indirizzo

50018  Scandicci-Badia a Settimo (FI)
Italia
Regione: Toscana 
Nazione: Italia 
Diocesi antica: Florentina
Diocesi attuale: Firenze
Coordinate:
43.78017754512058, 11.14460016187981
Google Maps wikimapia
Latitudine: 43° 46' 48''
Longitudine: 11° 8' 40''
Contatti
Telefono:  
Fax  
e-mail
Indirizzo Web Web
Wiki    
Stato dell’edificio: Intatto con comunità
Stile dell’edificio: Cistercense primitivo, Romanico, Gotico, Rinascimentale, Barocco - Rococò
Visita: Con permesso
Attività
Lavori:
Shop Negozio: