Ritorna alla pagina principale

Mons. Luciano Monari

Vescovo di Brescia

Ordina per data Ordina per tema Documenti in formato compresso

  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 5  Beati gli invitati alla cena del Signore  Prendiamo il racconto delle Beatitudini in Matteo come traccia di questa meditazione: può servire anche come conclusione di tutto quello che abbiamo detto sulla Eucaristia; perché, se scopo, effetto dell’Eucaristia è quello di trasformare la vita dell’uomo in vita cristiana, quindi dare una forma cristiana all’esistenza, il racconto, il proclama delle Beatitudini diventa per noi uno specchio, nel quale possiamo misurarci. 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 1  L’Eucaristia: 1  Il tema che cercheremo di svolgere in questi tre giorni di esercizi spirituali è quello dell’Eucaristia; e vi spiego il motivo per cui ho scelto questo tema. Il Concilio dice che l’Eucaristia, la liturgia dell’Eucaristia in particolare, è il culmine della vita della Chiesa e si può dire che tutta l’esistenza della Chiesa fa riferimento qui, anzi si può dire che l’Eucaristia dà la forma alla vita cristiana. E mi spiego meglio… 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 2  L’Eucaristia: 2  Nella prima meditazione abbiamo fermato la nostra attenzione all’istituzione dell’Eucaristia: e abbiamo risposto dicendo che Gesù ha celebrato l’Eucaristia durante una cena pasquale, ma trasformando il significato della cena pasquale. Mentre per gli Ebrei la Pasqua era la commemorazione della liberazione dall’Egitto. Gesù dà il contenuto della Pasqua, della sua Pasqua: la sua Passione: «Questo è il mio corpo donato per voi; questo è il mio sangue versato per voi». 
  01/09/1982 Esercizi spirituali per giovani e adulti , 1982, Eucaristia, Esercizi spirituali.1982  Beati gli invitati alla cena del Signore  Luciano Monari, Beati gli invitati alla cena del Signore (198209010) Data Copyright: 1982 Data pubblicazione: 1/9/1982 Serie: Esercizi spirituali per giovani e adulti 1982 Id: Monari:198209010 Il tema che cercheremo di svolgere in questi tre giorni di esercizi spirituali è quello dell’Eucaristia; e vi spiego il motivo per cui ho scelto questo tema. Il Concilio dice che l’Eucaristia, la liturgia dell’Eucaristia in particolare, è il culmine della vita della Chiesa e si può dire che tutta l’esistenza della Chiesa fa riferimento qui, anzi si può dire che l’Eucaristia dà la forma alla vita cristiana. E mi spiego meglio… 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 3  L’Eucaristia: 3  Nelle due meditazioni che abbiamo fatto ieri, abbiamo tentato di riflettere sul racconto dell’istituzione dell’Eucaristia: sia al mattino che al pomeriggio abbiamo commentato quel testo lì, in Matteo, Marco, Luca e nella prima Lettera ai Corinzi cap. 11. Se vi ricordate, dicevamo che l’istituzione dell’Eucaristia non è raccontata, invece, nel Vangelo di S. Giovanni: al posto della istituzione dell’Eucaristia, nel Vangelo di S. Giovanni, c’è la lavanda dei piedi e c’è quel brano che abbiamo commentato ieri pomeriggio e cioè il comandamento nuovo: «Amatevi gli uni gli altri, siccome io vi ho amato perché anche voi vi amiate gli uni gli altri». Ma, oltre a questo nel Vangelo di S. Giovanni, che comprende la moltiplicazione dei pani, il cammino di Gesù sulle acque (ma questo non ci interessa direttamente) e poi un lungo discorso che Gesù fa nella sinagoga di Cafarnao a proposito i della fede e dell’Eucaristia. 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 4  L’Eucaristia: 4  Continuiamo la nostra riflessione sull’Eucaristia facendoci una domanda, che è la domanda limite dell’uomo d’oggi e che ci siamo già posti e a cui abbiamo tentato anche di rispondere: semplicemente allarghiamo le risposte. La domanda è: «A che cosa serve?». 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 1  L’Eucaristia: 1  Il tema che cercheremo di svolgere in questi tre giorni di esercizi spirituali è quello dell’Eucaristia; e vi spiego il motivo per cui ho scelto questo tema. Il Concilio dice che l’Eucaristia, la liturgia dell’Eucaristia in particolare, è il culmine della vita della Chiesa e si può dire che tutta l’esistenza della Chiesa fa riferimento qui, anzi si può dire che l’Eucaristia dà la forma alla vita cristiana. E mi spiego meglio… 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 2  L’Eucaristia: 2  Nella prima meditazione abbiamo fermato la nostra attenzione all’istituzione dell’Eucaristia: e abbiamo risposto dicendo che Gesù ha celebrato l’Eucaristia durante una cena pasquale, ma trasformando il significato della cena pasquale. Mentre per gli Ebrei la Pasqua era la commemorazione della liberazione dall’Egitto. Gesù dà il contenuto della Pasqua, della sua Pasqua: la sua Passione: «Questo è il mio corpo donato per voi; questo è il mio sangue versato per voi». 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 4  L’Eucaristia: 4  Continuiamo la nostra riflessione sull’Eucaristia facendoci una domanda, che è la domanda limite dell’uomo d’oggi e che ci siamo già posti e a cui abbiamo tentato anche di rispondere: semplicemente allarghiamo le risposte. La domanda è: «A che cosa serve?». 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 3  L’Eucaristia: 3  Nelle due meditazioni che abbiamo fatto ieri, abbiamo tentato di riflettere sul racconto dell’istituzione dell’Eucaristia: sia al mattino che al pomeriggio abbiamo commentato quel testo lì, in Matteo, Marco, Luca e nella prima Lettera ai Corinzi cap. 11. Se vi ricordate, dicevamo che l’istituzione dell’Eucaristia non è raccontata, invece, nel Vangelo di S. Giovanni: al posto della istituzione dell’Eucaristia, nel Vangelo di S. Giovanni, c’è la lavanda dei piedi e c’è quel brano che abbiamo commentato ieri pomeriggio e cioè il comandamento nuovo: «Amatevi gli uni gli altri, siccome io vi ho amato perché anche voi vi amiate gli uni gli altri». Ma, oltre a questo nel Vangelo di S. Giovanni, che comprende la moltiplicazione dei pani, il cammino di Gesù sulle acque (ma questo non ci interessa direttamente) e poi un lungo discorso che Gesù fa nella sinagoga di Cafarnao a proposito i della fede e dell’Eucaristia. 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 4  L’Eucaristia: 4  Continuiamo la nostra riflessione sull’Eucaristia facendoci una domanda, che è la domanda limite dell’uomo d’oggi e che ci siamo già posti e a cui abbiamo tentato anche di rispondere: semplicemente allarghiamo le risposte. La domanda è: «A che cosa serve?». 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 3  L’Eucaristia: 3  Nelle due meditazioni che abbiamo fatto ieri, abbiamo tentato di riflettere sul racconto dell’istituzione dell’Eucaristia: sia al mattino che al pomeriggio abbiamo commentato quel testo lì, in Matteo, Marco, Luca e nella prima Lettera ai Corinzi cap. 11. Se vi ricordate, dicevamo che l’istituzione dell’Eucaristia non è raccontata, invece, nel Vangelo di S. Giovanni: al posto della istituzione dell’Eucaristia, nel Vangelo di S. Giovanni, c’è la lavanda dei piedi e c’è quel brano che abbiamo commentato ieri pomeriggio e cioè il comandamento nuovo: «Amatevi gli uni gli altri, siccome io vi ho amato perché anche voi vi amiate gli uni gli altri». Ma, oltre a questo nel Vangelo di S. Giovanni, che comprende la moltiplicazione dei pani, il cammino di Gesù sulle acque (ma questo non ci interessa direttamente) e poi un lungo discorso che Gesù fa nella sinagoga di Cafarnao a proposito i della fede e dell’Eucaristia. 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 2  L’Eucaristia: 2  Nella prima meditazione abbiamo fermato la nostra attenzione all’istituzione dell’Eucaristia: e abbiamo risposto dicendo che Gesù ha celebrato l’Eucaristia durante una cena pasquale, ma trasformando il significato della cena pasquale. Mentre per gli Ebrei la Pasqua era la commemorazione della liberazione dall’Egitto. Gesù dà il contenuto della Pasqua, della sua Pasqua: la sua Passione: «Questo è il mio corpo donato per voi; questo è il mio sangue versato per voi». 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 1  L’Eucaristia: 1  Il tema che cercheremo di svolgere in questi tre giorni di esercizi spirituali è quello dell’Eucaristia; e vi spiego il motivo per cui ho scelto questo tema. Il Concilio dice che l’Eucaristia, la liturgia dell’Eucaristia in particolare, è il culmine della vita della Chiesa e si può dire che tutta l’esistenza della Chiesa fa riferimento qui, anzi si può dire che l’Eucaristia dà la forma alla vita cristiana. E mi spiego meglio… 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 1  L’Eucaristia: 1  Il tema che cercheremo di svolgere in questi tre giorni di esercizi spirituali è quello dell’Eucaristia; e vi spiego il motivo per cui ho scelto questo tema. Il Concilio dice che l’Eucaristia, la liturgia dell’Eucaristia in particolare, è il culmine della vita della Chiesa e si può dire che tutta l’esistenza della Chiesa fa riferimento qui, anzi si può dire che l’Eucaristia dà la forma alla vita cristiana. E mi spiego meglio… 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 2  L’Eucaristia: 2  Nella prima meditazione abbiamo fermato la nostra attenzione all’istituzione dell’Eucaristia: e abbiamo risposto dicendo che Gesù ha celebrato l’Eucaristia durante una cena pasquale, ma trasformando il significato della cena pasquale. Mentre per gli Ebrei la Pasqua era la commemorazione della liberazione dall’Egitto. Gesù dà il contenuto della Pasqua, della sua Pasqua: la sua Passione: «Questo è il mio corpo donato per voi; questo è il mio sangue versato per voi». 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 3  L’Eucaristia: 3  Nelle due meditazioni che abbiamo fatto ieri, abbiamo tentato di riflettere sul racconto dell’istituzione dell’Eucaristia: sia al mattino che al pomeriggio abbiamo commentato quel testo lì, in Matteo, Marco, Luca e nella prima Lettera ai Corinzi cap. 11. Se vi ricordate, dicevamo che l’istituzione dell’Eucaristia non è raccontata, invece, nel Vangelo di S. Giovanni: al posto della istituzione dell’Eucaristia, nel Vangelo di S. Giovanni, c’è la lavanda dei piedi e c’è quel brano che abbiamo commentato ieri pomeriggio e cioè il comandamento nuovo: «Amatevi gli uni gli altri, siccome io vi ho amato perché anche voi vi amiate gli uni gli altri». Ma, oltre a questo nel Vangelo di S. Giovanni, che comprende la moltiplicazione dei pani, il cammino di Gesù sulle acque (ma questo non ci interessa direttamente) e poi un lungo discorso che Gesù fa nella sinagoga di Cafarnao a proposito i della fede e dell’Eucaristia. 
  01/09/1982 Beati gli invitati alla cena del Signore ; 4  L’Eucaristia: 4  Continuiamo la nostra riflessione sull’Eucaristia facendoci una domanda, che è la domanda limite dell’uomo d’oggi e che ci siamo già posti e a cui abbiamo tentato anche di rispondere: semplicemente allarghiamo le risposte. La domanda è: «A che cosa serve?».