Ritorna alla pagina principale

Mons. Luciano Monari

Vescovo di Brescia

Ordina per data Ordina per tema Documenti in formato compresso

  10/11/1992   Madonna della Piazza  È così che comincia la preghiera più bella a cui siamo abituati: la preghiera della Chiesa a Maria riprendendo le parole stesse dell’Angelo al momento della Annunciazione. Si tratta di un saluto: “Ave”, di un titolo di onore: “piena di grazia” e di un detto di benedizione: “il Signore è con te”. 
  02/11/1992 Cammina davanti a me ; 9  Commemorazione dei Fedeli Defunti  I profeti ci hanno insegnato a sperare nella salvezza. Abbiamo richiamato nel salmo responsoriale che «chi spera nel Signore non resta deluso». E la prima lettura ci aiuta ad entrare in questa prospettiva, perché ci presenta in significato della venuta di Dio: «Ecco il nostro Dio; in lui abbiamo sperato perché ci salvasse; questi è il Signore in cui abbiamo sperato; rallegriamoci, esultiamo per la sua salvezza». Ma che cosa vuole dire questa venuta del Signore? Che effetto ha nella storia del mondo e della nostra vita? 
  02/11/1992 Cammina davanti a me ; 8  5ª Meditazione  In questa ultima meditazione volevo richiamare alcuni atteggiamenti fondamentali della vita spirituale, così come sono presentati nei salmi. Abbiamo già percorso un piccolo itinerario, partendo dal desiderio di Dio, dal riconoscimento del nostro peccato e quindi l’esperienza del perdono; della lode e la supplica. Quindi un percorso spirituale di questo genere. Ecco, adesso ci rimane da richiamare degli atteggiamenti del cuore, in modo di stare davanti al Signore e di camminare sotto il suo sguardo. 
  01/11/1992 Cammina davanti a me ; 5  3ª Meditazione  Il Salmo 42-43 ci è servito perché sentissimo un tantino quel bisogno di Dio, quella sete di Dio che sta al centro della vita dell’uomo. Poi, guidati dal desiderio del Signore, lo abbiamo incontrato, e lo abbiamo incontrato con quei Salmi 50-51 che ci hanno fatto riconoscere il nostro peccato, ma ci hanno anche aperta al perdono di Dio. E la proclamazione fondamentale era questa: l’incontro con il Signore è un incontro di perdono, nel quale la nostra vita viene rinnovata, rigenerata, creata veramente come vita nuova attraverso il dono dello Spirito del Signore, attraverso quello spirito generoso e costante che è suo e di cui noi abbiamo bisogno. 
  01/11/1992 Cammina davanti a me , 4, Esercizi spirituali, Esercizi spirituali.1992  2ª Omelia  Luciano Monari, 2ª Omelia (199211011). 2ª Omelia Data Copyright: 1992 Data pubblicazione: 1/11/1992 Serie: Cammina davanti a me 4 Id: Monari:199211011 Fa un po’ invidia e dà un po’ di vergogna quello che Paolo scrive nella lettera ai Filippesi. Fa invidia per la libertà con cui Paolo si pone davanti alle cose; una libertà che per noi è molto lontana e che si esprime, per esempio, nel fatto che Paolo al successo personale non c’è attaccato. 
  01/11/1992 Cammina davanti a me ; 6  4ª Meditazione  Abbiamo meditato alcuni salmi di rendimento di grazie e di lode. Sono Salmi che ci aiutano a trasformare in preghiera, quindi in esperienza di fede, tutto quello che di bello, di buono, di positivo c’è nella nostra vita. il problema è che nella nostra vita ci sono anche delle cose non belle, non molto positive: c’è l’esperienza della sofferenza e dell’angoscia, dell’avvilimento e della depressione e bisogna tentare di trasformare anche questo materiale in fede e in dialogo con il Signore. A questo ci aiuta l’altra grande categoria di salmi: i Salmi di supplica. 
  01/11/1992 Cammina davanti a me ; 7  Solennità di Tutti i Santi  Ci hanno insegnato che il nostro universo ha 17-18 miliardi di anni, che la terra ne ha cinque, e che sulla terra le prime tracce di vita sono comparse 3 miliardi o 3 miliardi e mezzo di anni fa. Poi, finalmente, circa un milione di anni fa sarebbe venuto l’homo sapiens (supponendo che noi siamo un tantino saggi), cioè l’uomo che è capace di pensare e di riflettere. E viene da dire: Adesso, dove andiamo? Verso che futuro siamo incamminati? Prima si sono formati. gli elementi chimici, poi sono diventati dei complessi più grandi, è nata la vita, poi è nato il pensiero, e adesso? Che cosa ce ne facciamo di questo pensiero? E che cosa ce ne facciamo di quella libertà che il pensiero ci rende capaci di esercitare? Insomma, c’è ancora un futuro, c’è ancora qualche cosa da imparare, ed un traguardo da raggiungere! O ci dobbiamo fermare n? 
  31/10/1992 Cammina davanti a me ; 3  2ª Meditazione  Continuiamo il cammino meditando il Salmo 50 (49). Siamo partiti rinnovando il desiderio dell’incontro con il Signore e questo incontro lo viviamo con il Signore nella gioia, però anche come incontro che ci purifica, che ci conforta. 
  31/10/1992 Esercizi spirituali , 1992, Esercizi spirituali, Esercizi spirituali per giovani e adulti,1992  Cammina davanti a me  Luciano Monari, Cammina davanti a me. Omelia Data Copyright: 1992 Data pubblicazione: 31 ottobre 1992 Serie: Esercizi spirituali 1992 Id: Monari:199210310 
  31/10/1992 Cammina davanti a me ; 2  1ª Meditazione  Un pellegrinaggio, un cammino che ci vuole condurre ad una comunione più intensa e più autentica con il Signore e che, come tutti i cammini, deve partire da lì dove noi siamo, dalla nostra condizione attuale. Questo cammino lo faremo lasciandoci guidare da alcuni salmi. I salmi sono: preghiere che la Chiesa usa regolarmente, sono preghiere che Gesù ha usato nella sua vita, sono un nutrimento solido per la nostra fede e per la nostra speranza. 
  31/10/1992 Cammina davanti a me ; 1  Penitenziale  La prima lettura che abbiamo ascoltato è l’inizio del libro di Isaia. Un inizio dove il Signore si lamenta contro il suo popolo. C’è un rapporto di alleanza tra Dio e questo popolo, c’è stato un impegno di amore da parte del Signore, eppure la risposta che il Signore ha ottenuto da Israele è stata una risposta infedele di ribellione.