Ritorna alla pagina principale

Mons. Luciano Monari

Vescovo di Brescia

Ordina per data Ordina per tema Documenti in formato compresso

  31/12/2007   Omelia fine anno 2007  Sappiamo che la Provvidenza divina opera attraverso gli eventi e fa servire ogni cosa al bene; per questo con convinzione intoneremo il Te Deum. Ma il tempo che passa ci porta inevitabilmente a riflettere, a cercare di prendere coscienza di quello che siamo, di quello che facciamo, di dove stiamo andando. 
  25/12/2007 Natale del Signore Messa del giorno  Messa del giorno  Il racconto lucano del Natale, che abbiamo ascoltato questa notte, ci ha introdotto nella scena familiare del presepe: il censimento dell’imperatore Augusto, il viaggio di Giuseppe e Maria, la nascita a Betlemme, i pastori e gli angeli. Il vangelo di Giovanni, oggi, allarga in modo incredibile l’orizzonte unendo l’esistenza umana di Gesù col cosmo, con il mistero stesso di Dio… 
  25/12/2007   Messa della notte  “Dio ha dichiarato pace agli uomini – per sempre”. Questo l’annuncio che una moltitudine dell’esercito celeste trasmette, spiegando così il significato della nascita di Gesù. 
  21/12/2007   La voce del popolo  Nelle quattro settimane di avvento ci siamo messi alla scuola dei profeti per imparare dalle loro promesse a sperare nella salvezza. Ora il Natale ci fa incontrare con la salvezza stessa di Dio; non è più tempo di attesa, ma tempo di contemplazione, di stupore, di gioia per il dono ricevuto: “per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo”. 
  17/12/2007   Cooperativa Sociale Bucaneve ONLUS  Carissimi, con gioia grande saluto tutti voi, in occasione del ventesimo anniversario di fondazione della Cooperativa Bucaneve. Grazie anche al vostro contributo, nel tessuto sociale dei territori comunali di Bardi e di quelli limitrofi, è cresciuta la comprensione del valore incomparabile di ogni persona. 
  16/12/2007   Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini che egli ama  Il testo, che avete nelle vostre mani, costituisce la prima, o le prime due parti, del racconto della nascita di Gesù secondo San Luca. La prima è la narrazione della nascita di Gesù, molto semplice. La seconda parte è l’annuncio di questa nascita, con la mia interpretazione. La terza che non è nel brano che avete ascoltato, ma costituisce un elemento della unità letteraria, è la testimonianza che i pastori danno di quello che hanno visto e conosciuto. 
  15/12/2007   Il Vescovo Luciano Monari benedice la “Casa”  L’inaugurazione della nuova sede della Comunità “Luna Stellata” suscita in noi sentimenti di gratitudine e di speranza. Anche noi in qualche modo diventiamo cooperatori di Dio ogni volta che in spirito di servizio veniamo incontro alle necessità del prossimo e della comunità. 
  08/12/2007   Immacolata Concezione  C’erano molte persone importanti a Gerusalemme al tempo di Erode, persone religiosamente impegnate e socialmente autorevoli. Eppure Dio ha scelto di incarnare la sua volontà di salvezza attraverso una ragazza umile, proveniente da un oscuro villaggio della Galilea. 
  07/12/2007   Vigilia Immacolata Concezione di Maria  È chiaro che nelle mie preghiere vi ci porto con tutto il cuore e con tutto l’affetto perché il legame con Piacenza è vivissimo e profondo. Questa non è più la mia cattedra, però venire qui e salire in cattedra vuole dire: riconoscenza grande al Signore per quello che mi ha dato in mezzo a voi, per il cammino che abbiamo fatto insieme… 
  01/12/2007 , Intervista  Il cammino fecondo dell’Esodo  Luciano Monari, Il cammino fecondo dell’Esodo (20071201). Intervista Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 dicembre 2007 Responsabili: Angelo Bertani (intervistatore) & Angelo Bertani Id: Monari:20071201 Da bambini abbiamo imparato le preghiere del mattino. Quando apri gli occhi per prima cosa rivolgi il pensiero a Dio che ti ha creato e ringrazia: “Ti adoro, mio Dio, ti amo con tutto il cuore, ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa notte”. Piccola cosa, questa preghiera, ma preziosa perché ridimensiona le paure e si affida a un amore più grande. Quando ringraziamo non siamo più soli nella fredda immensità dell’universo, abbiamo un po’ meno paura del futuro 
  01/12/2007 , Intervista  Il cammino fecondo dell’Esodo  Luciano Monari, Il cammino fecondo dell’Esodo (20071201). Intervista Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 dicembre 2007 Responsabili: Angelo Bertani (intervistatore) & Angelo Bertani Id: Monari:20071201 Da bambini abbiamo imparato le preghiere del mattino. Quando apri gli occhi per prima cosa rivolgi il pensiero a Dio che ti ha creato e ringrazia: “Ti adoro, mio Dio, ti amo con tutto il cuore, ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa notte”. Piccola cosa, questa preghiera, ma preziosa perché ridimensiona le paure e si affida a un amore più grande. Quando ringraziamo non siamo più soli nella fredda immensità dell’universo, abbiamo un po’ meno paura del futuro 
  01/12/2007 , Intervista  Il cammino fecondo dell’Esodo  Luciano Monari, Il cammino fecondo dell’Esodo (20071201). Intervista Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 dicembre 2007 Responsabili: Angelo Bertani (intervistatore) & Angelo Bertani Id: Monari:20071201 Da bambini abbiamo imparato le preghiere del mattino. Quando apri gli occhi per prima cosa rivolgi il pensiero a Dio che ti ha creato e ringrazia: “Ti adoro, mio Dio, ti amo con tutto il cuore, ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa notte”. Piccola cosa, questa preghiera, ma preziosa perché ridimensiona le paure e si affida a un amore più grande. Quando ringraziamo non siamo più soli nella fredda immensità dell’universo, abbiamo un po’ meno paura del futuro 
  01/12/2007 , Intervista  Il cammino fecondo dell’Esodo  Luciano Monari, Il cammino fecondo dell’Esodo (20071201). Intervista Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 dicembre 2007 Responsabili: Angelo Bertani (intervistatore) & Angelo Bertani Id: Monari:20071201 Da bambini abbiamo imparato le preghiere del mattino. Quando apri gli occhi per prima cosa rivolgi il pensiero a Dio che ti ha creato e ringrazia: “Ti adoro, mio Dio, ti amo con tutto il cuore, ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa notte”. Piccola cosa, questa preghiera, ma preziosa perché ridimensiona le paure e si affida a un amore più grande. Quando ringraziamo non siamo più soli nella fredda immensità dell’universo, abbiamo un po’ meno paura del futuro 
  30/11/2007 , Presbiterio di Brescia, Lettera  Lettera ai sacerdoti del presbiterio di Brescia  Luciano Monari, Lettera ai sacerdoti del presbiterio di Brescia (20071130) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 30 novembre 2007 Id: Monari:20071130 Nutro profonda speranza che l’accusa si risolverà in una bolla di sapone; ho ascoltato tanti che hanno conosciuto don Marco, che sono vissuti insieme a lui per anni e il giudizio è concorde: non uno che abbia avanzato dubbi o riserve. Ma la ferita non si rimarginerà presto. 
  28/11/2007 , Marco Baresi, Articolo  Il Vescovo su don Baresi  Luciano Monari, Il Vescovo su don Baresi (200711281). dolore, ma fiducia che sia fatta rapidamente luce sulla vicenda Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 28 novembre 2007 Id: Monari:200711281 Il dramma di chi è vittima di pedofili non può essere in alcun modo sottovalutato e, tanto meno, eluso, a maggior ragione se coinvolge sacerdoti, ma la delicatezza della situazione di chi si trova accusato di una colpa tanto grave ed è innocente è pure di grande portata. 
  18/11/2007   Giornata Diocesana della Caritas  Viene da Paolo VI la bella espressione “civiltà dell’amore” per indicare la direzione che la famiglia umana è chiamata a prendere se vuole dirigere correttamente la sua marcia verso il futuro. E “civiltà dell’amore” significa una società nella quale l’obiettivo cui si tende è prendersi cura gli uni degli altri, portare gli uni i pesi degli altri, offrire se stessi agli altri come motivo di sicurezza e di fiducia. 
  16/11/2007 , Intervista  Amare la Scrittura per amare e apprezzare la vita  Luciano Monari, Amare la Scrittura per amare e apprezzare la vita (200711161) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 16 novembre 2007 Responsabili: Giuseppe Mensi (intervistatore) & Giuseppe Mensi Id: Monari:200711161 Bisognerebbe ripercorrere tutto il testo per vedere quali sono stati i cambiamenti. La revisione è stata fatta versetto per versetto, per cui non ci sono delle parti che sono state più cambiate di altre. Probabilmente quello che colpisce di più, perché in quel caso è stato fatto un lavoro più puntiglioso, è la revisione dei salmi. 
  06/11/2007   Celebrazione Eucaristica  Vorrei cominciare cercando di capire e in fondo di dare ragione agli invitati che hanno rifiutato l’invito. Avevano delle cose importanti di cui prendersi cura, e soprattutto avevano delle cose loro – un campo, i cinque paia di buoi, la moglie –, che sono dimensioni evidentemente importanti nella vita della persona, quindi una qualche scusa la possano effettivamente accampare. 
  04/11/2007   Chiesa strumentalizzata nel marasma mediatico  C’è un modo semplice per creare dal nulla una notizia appetibile: basta prendere le dichiarazioni di una persona pubblica che riesca a suscitare sentimenti forti di simpatia o di antipatia; estrarre da queste dichiarazioni un elemento significativo isolandolo dal contesto; dare l’interpretazione più provocatoria possibile e lanciare la notizia. 
  04/11/2007 Il discorso di addio ; 7  Celebrazione Eucaristica  In una riflessione di preghiera come in questi giorni vengono fuori nel nostro cuore dei desideri, forse i desideri diventano anche propositi, però conosciamo anche molto bene la nostra fragilità e quanti propositi della nostra vita sono finiti in niente. 
  04/11/2007 Il discorso di addio ; 8  5ª Meditazione  E un tema fondamentale è quello della missione che ai discepoli viene affidata e per la quale Gesù chiede la protezione del Padre, che il Padre li custodisca dal maligno perché i discepoli sono e debbono essere nel mondo e hanno, nel mondo, un compito, una missione. 
  04/11/2007 Il discorso di addio ; 9  Liturgia Penitenziale  Quando San Giovanni scrive che Dio è luce e che in lui non ci sono tenebre, sta facendo un’affermazione che non riguarda Dio in sé, ma riguarda la rivelazione di Dio nella nostra vita. La si potrebbe parafrasare dicendo: quando Dio si è rivelato nella nostra vita, siamo stati illuminati, abbiamo potuto vedere la realtà con degli occhi nuovi e con una chiarezza che non possedevamo. 
  03/11/2007   Il testo del messaggio inviato alle comunità Papa Giovanni XXIII presenti a Piacenza  Carissimi, con profondo affetto vi sono vicino in questo momento di dolore per la morte improvvisa del vostro carissimo don Oreste. La sua limpida e coraggiosa testimonianza di vita cristiana e sacerdotale, rimarrà certamente un tesoro prezioso per voi e per tutti noi che lo abbiamo conosciuto e amato. 
  03/11/2007 Il discorso di addio ; 6  4ª Meditazione  Anzitutto quell’indirizzo: “Padre santo”. È significativo perché di per sé la santità è, nella tradizione biblica, il mistero stesso di Dio nella sua differenza dall’uomo, nella sua differenza dal mondo. Dio è santo perché è “altro” da noi, perché la sua sfera di vita è una sfera infinitamente trascendente rispetto a quella della nostra esperienza: è un Dio irraggiungibile, il Santo, il tre volte Santo. 
  03/11/2007 Il discorso di addio ; 4  Celebrazione Eucaristica  Nella prima parte della Lettera ai Romani San Paolo ha esposto la sua teologia della grazia di Dio, di come la salvezza sia un dono generoso e gratuito che Dio fa all’uomo e per il quale è necessaria solo la disponibilità a lasciarsi salvare, a ricevere. 
  03/11/2007 Il discorso di addio ; 5  3ª Meditazione  Adesso, nella preghiera entrano anche i discepoli come elemento fondamentale, perché l’avventura di Gesù è legata alla sua missione e quindi ai discepoli che ha raccolto intorno a sé. 
  02/11/2007 Il discorso di addio , 1, Esercizi spirituali, Giovanni 17, Esercizi spirituali,2007  Il discorso di addio  Luciano Monari, Il discorso di addio (200711020). Giovanni 17: La preghiera di Gesù Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 02 novembre 2007 Serie: Il discorso di addio 1 Id: Monari:200711020 
  02/11/2007 Il discorso di addio ; 3  2ª Meditazione  Tutta la vita di Gesù, lo abbiamo ricordato stamattina, è vita filiale, quindi viene dal Padre, e tutta la vita di Gesù, il desiderio, il cammino di Gesù, è orientato al Padre; e il cammino che Gesù sta incominciando, cioè quello della croce, è esattamente il suo passaggio da questo mondo al Padre. 
  02/11/2007 Il discorso di addio , 2, Esercizi spirituali, Commemorazione di tutti i fedeli defunti, Esercizi spirituali.2007  Celebrazione Eucaristica  Luciano Monari, Celebrazione Eucaristica (2007110211) Data Copyright: 02 novembre 2007 Data pubblicazione: 02 novembre 2007 Serie: Il discorso di addio 2 Id: Monari:2007110211 Giobbe è costretto a misurarsi con il nemico supremo che per lui è la morte ed ha l’impressione chiara che la morte che gli viene incontro sia per lui ingiusta. Ingiusta perché la vita non ha risposto ai meriti che Giobbe aveva: si è comportato onestamente e rischia di morire abbandonato e disprezzato da tutti. 
  02/11/2007 Il discorso di addio ; 1  1ª Meditazione  Ringrazio il Signore che ci dà la gioia di poterci ritrovare una volta all’anno a pregare insieme, ad ascoltare la sua parola, a lasciarci illuminare e dirigere; che il Signore vi benedica e benedica questi giorni di riflessione, di silenzio e di preghiera. 
  01/11/2007 , Carità, Conferenze  L’amore che vince ogni egoismo  Luciano Monari, L’amore che vince ogni egoismo (200711011) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 novembre 2007 Id: Monari:200711011 Fa impressione leggere in san Paolo che qualsiasi carisma o ministero o dono divino è senza valore se non è interiormente animato dalla Carità. Conoscere con profondità i misteri divini, annunciare la Parola con tanta convinzione da convertire gli ascoltatori, sacrificare eroicamente se stessi, sono certamente cose grandi. 
  01/11/2007 , Carità, Conferenze  L’amore che vince ogni egoismo  Luciano Monari, L’amore che vince ogni egoismo (200711011) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 novembre 2007 Id: Monari:200711011 Fa impressione leggere in san Paolo che qualsiasi carisma o ministero o dono divino è senza valore se non è interiormente animato dalla Carità. Conoscere con profondità i misteri divini, annunciare la Parola con tanta convinzione da convertire gli ascoltatori, sacrificare eroicamente se stessi, sono certamente cose grandi. 
  01/11/2007 , Carità, Conferenze  L’amore che vince ogni egoismo  Luciano Monari, L’amore che vince ogni egoismo (200711011) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 novembre 2007 Id: Monari:200711011 Fa impressione leggere in san Paolo che qualsiasi carisma o ministero o dono divino è senza valore se non è interiormente animato dalla Carità. Conoscere con profondità i misteri divini, annunciare la Parola con tanta convinzione da convertire gli ascoltatori, sacrificare eroicamente se stessi, sono certamente cose grandi. 
  01/11/2007 , Carità, Conferenze  L’amore che vince ogni egoismo  Luciano Monari, L’amore che vince ogni egoismo (200711011) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 novembre 2007 Id: Monari:200711011 Fa impressione leggere in san Paolo che qualsiasi carisma o ministero o dono divino è senza valore se non è interiormente animato dalla Carità. Conoscere con profondità i misteri divini, annunciare la Parola con tanta convinzione da convertire gli ascoltatori, sacrificare eroicamente se stessi, sono certamente cose grandi. 
  01/11/2007 Tutti Santi  Tutti i Santi  Celebriamo oggi la festa di Tutti i Santi perché hanno manifestato questa identità di «figli di Dio». L’amore di Dio ha messo nella loro vita la Sua santità, ha messo qualche cosa della sua bellezza, della sua giustizia, e i santi risplendono ai nostri occhi per questo: risplendono della luce di Dio, risplendono dell’amore di Dio, che non è un dio geloso, che non tiene affatto per sé quello che lui è e possiede; è al contrario un Dio che gioisce solo nel donare agli uomini la ricchezza e la bellezza della sua vita. 
  31/10/2007   La vita e il ministero del presbitero  Il cristianesimo è l’effetto del passaggio di Gesù in mezzo alla storia. Egli è passato annunciando il Regno di Dio (cioè la presenza stessa di Dio) come vicino, tanto vicino da poterlo sperimentare, «toccare»; ha mostrato l’energia di questo «Regno» guarendo malati, liberando indemoniati, perdonando peccatori, risuscitando morti, annunciando la buona novella ai poveri. 
  21/10/2007 Giustizia  La comunità diocesana rende grazie al Padre per il dono del Vescovo Luciano e per i 40 anni di missione in Brasile  Se uno vuole sapere che cosa sogna e desidera un vescovo, deve guardare una Assemblea come quella di questa sera, che è davvero il sogno di un vescovo. Tutto il popolo di Dio, tutta Piacenza raccolta insieme, ci siamo tutti. 
  14/10/2007 , Omelie.C.O28, Omelie  Celebrazione di ingresso nella Diocesi di Brescia  Luciano Monari, Celebrazione di ingresso nella Diocesi di Brescia (2007101412). Liturgia XXVIII Domenica t.o. / a. C Data Copyright: 14 ottobre 2007 Data pubblicazione: 14 ottobre 2007 Id: Monari:2007101412 Gesù guarisce dieci lebbrosi; ma di loro uno solo viene definito “salvato”. Perché? Dove sta la differenza? Dal punto di vista della guarigione fisica, non c’è nessuna differenza: erano lebbrosi, con gli arti deformi e la carne a brandelli; ora a tutti loro la carne è tornata “come la carne di un giovinetto”; sono guariti. 
  14/10/2007 , Oratorio, Messaggi  Il nuovo vescovo Luciano parla degli Oratori  Luciano Monari, Il nuovo vescovo Luciano parla degli Oratori (200710141) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 14 ottobre 2007 Id: Monari:200710141 L’oratorio ha una ricchezza di esperienze che vale la pena di valorizzare. È vero che il centro dell’esperienza cristiana è l’eucaristia, è vero che la formazione si fa sulla Parola di Dio, però è vero anche che l’esperienza di aggregazione è indispensabile perché la parola di Dio e l’Eucaristia diventino vita concreta delle persone. 
  14/10/2007 , Luciano Monari, Omelie, Luciano Monari, Omelie  Ringraziamenti  Luciano Monari, Ringraziamenti (20071014) Data Copyright: 14 ottobre 2007 Data pubblicazione: 14 ottobre 2007 Id: Monari:20071014 La cosa più importante l’abbiamo fatta; anzi, l’ha fatta il Signore risorto servendosi di noi, delle nostre mani, della nostra libertà, del nostro cuore. È Lui, il Signore che ha convocato il popolo di Dio bresciano – presbiteri e religiosi, laici e diaconi – attorno al vescovo. 
  12/10/2007   Presentazione della pubblicazione sui 40 anni della missione in Brasile  Però la Chiesa di Piacenza-Bobbio è una bella Chiesa, perché il Signore ci ha lavorato e ci lavora, e l’esperienza dei preti Fidei donum è un segno evidentissimo di questa azione della grazia del Signore in mezzo a noi. 
  10/10/2007   Inizio dell’Anno scolastico  Mi porto dentro la gratitudine per tutto quello che Piacenza mi ha dato in questi dodici anni; sono stati anni belli in cui ho incontrato il Signore in tante persone, in cui mi sono sentito accolto e mi sono sentito in casa mia, in questa città che è diventata mia dodici anni fa. Allora questa riconoscenza la porto nel cuore anche dove il Signore mi manda a continuare a fare il vescovo. 
  10/10/2007   Inizio dell’Anno scolastico  Mi porto dentro la gratitudine per tutto quello che Piacenza mi ha dato in questi dodici anni; sono stati anni belli in cui ho incontrato il Signore in tante persone, in cui mi sono sentito accolto e mi sono sentito in casa mia, in questa città che è diventata mia dodici anni fa. Allora questa riconoscenza la porto nel cuore anche dove il Signore mi manda a continuare a fare il vescovo. 
  10/10/2007   Inizio dell’Anno scolastico  Mi porto dentro la gratitudine per tutto quello che Piacenza mi ha dato in questi dodici anni; sono stati anni belli in cui ho incontrato il Signore in tante persone, in cui mi sono sentito accolto e mi sono sentito in casa mia, in questa città che è diventata mia dodici anni fa. Allora questa riconoscenza la porto nel cuore anche dove il Signore mi manda a continuare a fare il vescovo. 
  10/10/2007   Inizio dell’Anno scolastico  Mi porto dentro la gratitudine per tutto quello che Piacenza mi ha dato in questi dodici anni; sono stati anni belli in cui ho incontrato il Signore in tante persone, in cui mi sono sentito accolto e mi sono sentito in casa mia, in questa città che è diventata mia dodici anni fa. Allora questa riconoscenza la porto nel cuore anche dove il Signore mi manda a continuare a fare il vescovo. 
  07/10/2007   Beata Vergine Maria del Rosario  Non ti lasciare spaventare dalla violenza del male che sembra prevalere nel mondo, tu custodisci la fede e la tua obbedienza al Signore, verrà il momento in cui il piano di Dio si compirà. 
  06/10/2007 Immigrazione, Immigrazione, Immigrazione  Immigrazione: come interroga la comunità cristiana  Luciano Monari, Immigrazione: come interroga la comunità cristiana (200710061). L’identità del cristiano è come un popolo pellegrino Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 06 ottobre 2007 Id: Monari:200710061 Ricordati che l’esperienza dell’essere forestiero è innanzitutto una esperienza tua, che tu stesso hai sperimentato la incertezza, la provvisorietà, di una condizione di non possesso, di abitazione presso altro popolo, e che in questa situazione il Signore ti è stato vicino e ti ha condotto per mano verso la libertà, verso la pienezza, della tua esperienza di popolo 
  06/10/2007   Ordinazione Presbiterale di Quagliaroli Alberto  Allora riconosciamo con gioia che la nostra vita è preceduta e sostenuta dalla grazia di Dio, che ci accompagna in ogni momento. E poniamo davanti al Signore la nostra disponibilità e i nostri desideri, perché con il dono dello Spirito Santo la nostra vita sia pronta a ricevere quella trasformazione che il Signore vuole operare nel nostro cuore. 
  04/10/2007   Celebrazione Eucaristica  Posso conoscere molti dati esterni che riguardano una persona: i suoi dati anagrafici, i comportamenti, le relazioni sociali che vive. Ma il mistero più profondo della persona, quello che coinvolge la sua libertà, i suoi sentimenti, i suoi sogni… tutto questo patrimonio che è eminentemente personale posso conoscerlo solo se mi viene comunicato come dono. 
  02/10/2007 , Omelie.Angeli Custodi,Pastorale Ospedaliera, Omelie  Festa dei SS. Angeli Custodi  Luciano Monari, Festa dei SS. Angeli Custodi (200710023) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 02 ottobre 2007 Id: Monari:200710023 Nella Messa il “pane e il vino” che sono la nostra vita – il nostro lavoro e la fatica dell’uomo –, diventano il corpo del Signore; il “corpo spezzato”, cioè la vita spezzata e donata. E quello che la Messa vorrebbe ottenere sarebbe esattamente che la nostra vita diventasse “pane spezzato”, cioè quello che noi siamo e viviamo diventasse dono per gli altri, come lo è stata la vita del Signore. 
  02/10/2007 , Ucid, Ucid,  L’associazione Ucid porta i saluti al Vescovo  Luciano Monari, L’associazione Ucid porta i saluti al Vescovo (200710025) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 02 ottobre 2007 Id: Monari:200710025 Fare in modo che l’Impresa diventi una incarnazione alla espressione visibile e concreta e materiale dell’amore che viene dal Signore, è una di quelle sfide difficilissime, ma anche proprio per questo entusiasmante. 
  02/10/2007 , Ucid, Ucid,  L’associazione Ucid porta i saluti al Vescovo  Luciano Monari, L’associazione Ucid porta i saluti al Vescovo (200710025) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 02 ottobre 2007 Id: Monari:200710025 Fare in modo che l’Impresa diventi una incarnazione alla espressione visibile e concreta e materiale dell’amore che viene dal Signore, è una di quelle sfide difficilissime, ma anche proprio per questo entusiasmante. 
  02/10/2007 , Luciano Monari, Salute  Il saluto degli operatori ospedalieri al Vescovo Monari  Luciano Monari & Carlo Tagliaferri, Il saluto degli operatori ospedalieri al Vescovo Monari (20071002) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 02 ottobre 2007 Id: Monari:200710024 Che vuole dire alla fine: ogni uomo ha il volto di Gesù Cristo, ogni volto umano è un tentativo di incarnare Gesù Cristo, quello che è il volto dell’uomo pieno, dell’uomo che ha trasformato la sua vita in amore, dell’uomo che ha fatto della sua vita un dono. 
  02/10/2007 , Ucid, Ucid,  L’associazione Ucid porta i saluti al Vescovo  Luciano Monari, L’associazione Ucid porta i saluti al Vescovo (200710025) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 02 ottobre 2007 Id: Monari:200710025 Fare in modo che l’Impresa diventi una incarnazione alla espressione visibile e concreta e materiale dell’amore che viene dal Signore, è una di quelle sfide difficilissime, ma anche proprio per questo entusiasmante. 
  02/10/2007 , Ucid, Ucid,  L’associazione Ucid porta i saluti al Vescovo  Luciano Monari, L’associazione Ucid porta i saluti al Vescovo (200710025) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 02 ottobre 2007 Id: Monari:200710025 Fare in modo che l’Impresa diventi una incarnazione alla espressione visibile e concreta e materiale dell’amore che viene dal Signore, è una di quelle sfide difficilissime, ma anche proprio per questo entusiasmante. 
  01/10/2007   Celebrazione Eucaristica  Mi piacerebbe proprio che Santa Teresa di Gesù Bambino mettesse una mano sulla mia testa e mi aiutasse ad avere quell’atteggiamento di piccolezza e di umiltà davanti a Dio che ci permette di accogliere con disponibilità tutte le sue grazie: la sua parola, il suo spirito, la ricchezza del suo amore. 
  01/10/2007 , Intervista  L’Ospite  Luciano Monari, L’Ospite (200710012). Ma Piacenza sa essere mamma? Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 ottobre 2007 Id: Monari:200710012 Non è facilissimo: perché penso che la diminuzione di capacità materna sia un problema che oggi riguarda tutti. Fuor di metafora, partiamo dal fatto che si mettono al mondo pochi figli: già questo ci dice che viviamo in una società preoccupata soprattutto di difendere quel che ha, più che di aprirsi a esperienze nuove. 
  01/10/2007 , Intervista  L’Ospite  Luciano Monari, L’Ospite (200710012). Ma Piacenza sa essere mamma? Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 ottobre 2007 Id: Monari:200710012 Non è facilissimo: perché penso che la diminuzione di capacità materna sia un problema che oggi riguarda tutti. Fuor di metafora, partiamo dal fatto che si mettono al mondo pochi figli: già questo ci dice che viviamo in una società preoccupata soprattutto di difendere quel che ha, più che di aprirsi a esperienze nuove. 
  01/10/2007 , Speranza,  La Parola di Dio  Luciano Monari, La Parola di Dio (200710011). Riponiamola speranza nel Dio che spera in noi Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 ottobre 2007 Id: Monari:200710011 L’uomo è chiamato a sperare in Dio, ma prima di questa nostra speranza c’è la speranza che Dio ha mostrato di avere nell’uomo. Dio spera in noi, Dio spera nell’uomo. Sembra un’affermazione paradossale e invece esprime con precisione la realtà delle cose. 
  01/10/2007 , Intervista  L’Ospite  Luciano Monari, L’Ospite (200710012). Ma Piacenza sa essere mamma? Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 ottobre 2007 Id: Monari:200710012 Non è facilissimo: perché penso che la diminuzione di capacità materna sia un problema che oggi riguarda tutti. Fuor di metafora, partiamo dal fatto che si mettono al mondo pochi figli: già questo ci dice che viviamo in una società preoccupata soprattutto di difendere quel che ha, più che di aprirsi a esperienze nuove. 
  01/10/2007 , Intervista  L’Ospite  Luciano Monari, L’Ospite (200710012). Ma Piacenza sa essere mamma? Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 ottobre 2007 Id: Monari:200710012 Non è facilissimo: perché penso che la diminuzione di capacità materna sia un problema che oggi riguarda tutti. Fuor di metafora, partiamo dal fatto che si mettono al mondo pochi figli: già questo ci dice che viviamo in una società preoccupata soprattutto di difendere quel che ha, più che di aprirsi a esperienze nuove. 
  30/09/2007 Lazzaro e il Ricco  Celebrazione Eucaristica  Se volete sapere che cosa ci sarà dopo questa vita e come si può fare per ottenere che il cammino della nostra vita vada verso la gioia e non verso il fallimento, non aspettatevi che venga un morto a dirvelo, anche perché, dice il Vangelo, non servirebbe a niente. 
  28/09/2007 Missione Brasile  Una storia da ricordare  La storia dei preti “Fidei donum” è da ricordare perché è una delle avventure più belle che la nostra Chiesa abbia vissuto negli ultimi decenni. Per mezzo secolo preti piacentini hanno operato in Brasile, in piena obbedienza ai vescovi locali, pur rimanendo incardinati nella diocesi di origine. 
  26/09/2007 Giustina Santa  Solennità Santa Giustina  Poi speriamo che l’eredità delle cose che il Signore ci ha dato in questi anni rimanga nel nostro cuore e diventi feconda, aldilà di quelli che sono le fragilità e le debolezze di ciascuno di noi a cominciare naturalmente dal vescovo, perché mons. Lino Ferrari, bravo, ha ricordato le cose belle… le fragilità le mettiamo un pochino nelle mani di Dio, perché il Signore con la sua misericordia e con la sua bontà supplisca come sempre. 
  26/09/2007 , Clero,Aggiornamento, Clero  Vescovo e preti sono una cosa sola, perché siamo sacramento di Cristo pastore  Luciano Monari, Vescovo e preti sono una cosa sola, perché siamo sacramento di Cristo pastore (200709261) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 26 settembre 2007 Id: Monari:200709261 L’incontro con il presbiterio è un momento per me importante, e questa consapevolezza mi diventa sempre più chiara man mano che vado avanti; e cioè che “vescovo e preti sono una cosa sola”, che il ministero presbiterale è un ministero di comunione o altrimenti semplicemente non è, che il primo impegno di un vescovo è la comunione del suo presbiterio. 
  24/09/2007   Esequie don Giovanni Montanari  Racconta il Libro di Esdra che nell’anno 538 a.C. Ciro imperatore di Persia emette quel decreto che permette agli Ebrei esuli in Babilonia di ritornare in patria; erano esuli da cinquant’anni, da quando Nabucodonosor li aveva deportati nel 586 a.C. 
  23/09/2007   Sono in te tutte le mie sorgenti  Leggevo in un intervento di uno psicologo che “i giovani di oggi pensano piuttosto ad avere successo e riconoscimento e potere, piuttosto che piacere e scambio di intimità e filosofia del dono”; ma pensandoci sopra non so se sia esattamente così. 
  16/09/2007 Figlio Prodigo  Celebrazione Eucaristica  Scribi e Farisei sono irritati perché Gesù accoglie i peccatori, perché dicono: “Bisognerebbe essere più chiari, e tenerli a distanza, per non favorire ambiguità e non contaminarci”. E Gesù invece si lascia avvicinare dai peccatori, addirittura condivide con loro la mensa, e spiega il perché con alcune parabole. 
  14/09/2007   Celebrazione del Mandato  Quello che Gesù ha vissuto, negli anni in cui ha predicato e ha operato, non termina, ma continua in una forma nuova attraverso i discepoli. Il Vangelo siete voi, il Vangelo è la vostra vita: «andate fate discepolo». 
  14/09/2007 , Luciano Monari , Articoli  Il commiato di Boiardi dal Vescovo Monari  Luciano Monari, Il commiato di Boiardi dal Vescovo Monari (200709141) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 14 settembre 2007 Id: Monari:200709141 Una profonda gratitudine per il lavoro svolto nella comunità piacentina, commozione e un abbraccio sincero. 
  13/09/2007   Dantis Poetae Transitus  L’esame sulla carità che san Giovanni fa a Dante si articola in tre momenti: tre le domande dell’apostolo e tre le risposte del poeta. Forse vale la pena notare che questo esame è subito da un Dante accecato: lo ha accecato la vista di Giovanni, il fulgore che scaturisce da lui, dalla rivelazione dell’amore di Dio che Egli trasmette. 
  11/09/2007   La religione e l’etica  Generalmente la religiosità biblica, la religione biblica, è definita come la “religione etica”. E “religione etica”, vuole dire: ci sono sistemi etici che stanno in piedi senza un riferimento religioso esplicito e necessario. Il confucianismo va fondamentalmente nella linea di un sistema etico. Ci sono anche sistemi rituali religiosi che di per sé non richiedono un comportamento conforme dal punto di vista etico. 
  11/09/2007   La religione e l’etica  Generalmente la religiosità biblica, la religione biblica, è definita come la “religione etica”. E “religione etica”, vuole dire: ci sono sistemi etici che stanno in piedi senza un riferimento religioso esplicito e necessario. Il confucianismo va fondamentalmente nella linea di un sistema etico. Ci sono anche sistemi rituali religiosi che di per sé non richiedono un comportamento conforme dal punto di vista etico. 
  11/09/2007   La religione e l’etica  Generalmente la religiosità biblica, la religione biblica, è definita come la “religione etica”. E “religione etica”, vuole dire: ci sono sistemi etici che stanno in piedi senza un riferimento religioso esplicito e necessario. Il confucianismo va fondamentalmente nella linea di un sistema etico. Ci sono anche sistemi rituali religiosi che di per sé non richiedono un comportamento conforme dal punto di vista etico. 
  11/09/2007   La religione e l’etica  Generalmente la religiosità biblica, la religione biblica, è definita come la “religione etica”. E “religione etica”, vuole dire: ci sono sistemi etici che stanno in piedi senza un riferimento religioso esplicito e necessario. Il confucianismo va fondamentalmente nella linea di un sistema etico. Ci sono anche sistemi rituali religiosi che di per sé non richiedono un comportamento conforme dal punto di vista etico. 
  08/09/2007 Lettera Pastorale. Presentazione  Sono in Te tutte le mie sorgenti  Il nostro vescovo ci presenta la Lettera Pastorale, “Sono in Te tutte le mie sorgenti”. Potremmo dire che questa è la conclusione di una trilogia di Lettere pastorali intorno alla questione della “trasmissione della fede”, che ha come riferimento i Sacramenti dell’Iniziazione cristiana, ma è appunto iniziazione alla vita cristiana. 
  08/09/2007 , Convegno Pastorale  La radice battesimale della testimonianza cristiana  Luciano Monari, La radice battesimale della testimonianza cristiana (20070908). La radice battesimale della testimonianza cristiana Data Copyright: 08 settembre 2007 Data pubblicazione: 08 settembre 2007 Id: Monari:20070908 Allora vuole dire alla fine che, sì, io qualche cosa dico e lo dirò molto volentieri perché mi piace, ma il cammino sarà da fare con il futuro vescovo, con il nuovo vescovo di Piacenza-Bobbio, che il Signore attraverso il ministero di qualcuno ci manderà. Quindi prendetele come consegna ma in senso molto ampio, cioè non ci sono regole, non ci sono evidentemente dei punti rigidi per il futuro. 
  08/09/2007 Convegno Pastorale per operatori di pastorale  Sono in Te tutte le mie sorgenti  Credo che tutta la diocesi debba ringraziare le persone religiose consacrate, perché sono, scritte a caratteri cubitali, quella trasformazione che vale per ogni persona cristiana. Siamo partiti questa mattina ricordando che la vita cristiana è una nuova nascita, è una vita nuova, è uomo o donna nuova, e questo vale per ogni cristiano. 
  01/09/2007   Documento sulla Formazione permanente del clero  Il documento che presentiamo è il frutto di un lungo percorso. Il tema ha occupato due incontri del Consiglio presbiterale diocesano, quello di novembre e di dicembre, sulla traccia di una riflessione proposta dalla Commissione per la formazione permanente del Consiglio stesso, ed è stato trattato dai presbiteri negli incontri delle varie zone che si sono tenuti tra le due sessioni del consiglio. 
  01/09/2007 , Fede, Religioso  Superare la paura fidandosi dell’ignoto  Luciano Monari, Superare la paura fidandosi dell’ignoto (200709011) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 settembre 2007 Id: Monari:200709011 Che cosa significhi aver fede appare nel modo più bello in una scena del libro dell’Esodo. Gli israeliti hanno abbandonato baldanzosi l’Egitto dirigendosi verso la libertà. Ma la marcia non è facile perché a un certo punto vengono a trovarsi di fronte al mar Rosso mentre alle loro spalle si muove tutto l’esercito egiziano: carri, cavalli e cavalieri. 
  01/09/2007 , Fede, Religioso  Superare la paura fidandosi dell’ignoto  Luciano Monari, Superare la paura fidandosi dell’ignoto (200709011) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 settembre 2007 Id: Monari:200709011 Che cosa significhi aver fede appare nel modo più bello in una scena del libro dell’Esodo. Gli israeliti hanno abbandonato baldanzosi l’Egitto dirigendosi verso la libertà. Ma la marcia non è facile perché a un certo punto vengono a trovarsi di fronte al mar Rosso mentre alle loro spalle si muove tutto l’esercito egiziano: carri, cavalli e cavalieri. 
  01/09/2007 , Fede, Religioso  Superare la paura fidandosi dell’ignoto  Luciano Monari, Superare la paura fidandosi dell’ignoto (200709011) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 settembre 2007 Id: Monari:200709011 Che cosa significhi aver fede appare nel modo più bello in una scena del libro dell’Esodo. Gli israeliti hanno abbandonato baldanzosi l’Egitto dirigendosi verso la libertà. Ma la marcia non è facile perché a un certo punto vengono a trovarsi di fronte al mar Rosso mentre alle loro spalle si muove tutto l’esercito egiziano: carri, cavalli e cavalieri. 
  01/09/2007 , Fede, Religioso  Superare la paura fidandosi dell’ignoto  Luciano Monari, Superare la paura fidandosi dell’ignoto (200709011) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 settembre 2007 Id: Monari:200709011 Che cosa significhi aver fede appare nel modo più bello in una scena del libro dell’Esodo. Gli israeliti hanno abbandonato baldanzosi l’Egitto dirigendosi verso la libertà. Ma la marcia non è facile perché a un certo punto vengono a trovarsi di fronte al mar Rosso mentre alle loro spalle si muove tutto l’esercito egiziano: carri, cavalli e cavalieri. 
  31/08/2007 La Preghiera Sacerdotale di Gesù ; 13  Celebrazione Eucaristica  Gesù ha pregato perché noi siamo un cuore solo e un’anima sola, una cosa sola a motivo dell’amore che viene dal Padre e che Lui ci trasmette a motivo della Parola che viene da Dio, e che Lui è e ci rivela. 
  31/08/2007 La Preghiera Sacerdotale di Gesù ; 14  Ottava Meditazione  Attraverso l’ascolto della Parola, l’obbedienza a questa Parola, l’accettazione storica di Gesù, il rapporto personale con Gesù, si stabilisce una comunione che unisce i credenti tra di loro. 
  30/08/2007 La Preghiera Sacerdotale di Gesù ; 12  Settima Meditazione  Avevamo tentato di riflettere sul significato di quella “consacrazione” o meglio “santificazione nella verità”, in quella Parola di Dio che è verità perché rivela la realtà delle cose, rivelando il suo amore per il mondo e per gli uomini. 
  30/08/2007 La Preghiera Sacerdotale di Gesù , 10, Esercizi spirituali, Giovanni 17, Esercizi spirituali.2007  Celebrazione Eucaristica  Luciano Monari, Celebrazione Eucaristica (20070830) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 30 agosto 2007 Serie: La Preghiera Sacerdotale di Gesù 10 Id: Monari:20070830 Paolo non aveva potuto completare l’istruzione religiosa alla comunità di Tessalonica, e per questo avendo dovuto abbandonare la città si ritrovava con una incertezza, un dubbio, un timore, per il futuro di quella comunità. Era una comunità fragile, piccola, sottomessa a persecuzioni, c’era il rischio che i tessalonicesi abbandonassero il Vangelo. 
  30/08/2007 La Preghiera Sacerdotale di Gesù ; 11  Sesta Meditazione  Gesù rivendica una regalità, è Re; e una regalità che si compie in questo mondo, è venuto in questo mondo proprio per diventare Re, per essere Re. E però il suo Regno non è di questo mondo, è in questo mondo ma non di questo mondo. 
  29/08/2007 La Preghiera Sacerdotale di Gesù ; 9  Quinta Meditazione  Dunque, l’azione di Gesù è stata un’azione efficace di custodia. Ha fatto quello che deve fare ogni pastore: il prendersi cura non semplicemente del gregge, ma di ciascuna pecora, una per una, ciascuna secondo le sue necessità e le sue esigenze. 
  29/08/2007 La Preghiera Sacerdotale di Gesù , 7, Esercizi spirituali, Giovanni 17, Esercizi spirituali.2007  Celebrazione Eucaristica  Luciano Monari, Celebrazione Eucaristica (20070829) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 29 agosto 2007 Serie: La Preghiera Sacerdotale di Gesù 7 Id: Monari:20070829 Geremia e Giovanni Battista sono persone plasmate nella loro identità e nella loro missione dalla parola del Signore che hanno ricevuto come profeti. Il Profeta trasmette la parola di Dio ma non la trasmette semplicemente come qualcosa che passa attraverso di lui, la trasmette lasciandosi coinvolgere con tutta la sua vita, le sue speranze, le sue gioie e naturalmente le sue sofferenze. 
  29/08/2007 La Preghiera Sacerdotale di Gesù ; 8  Quarta Meditazione  Nel Verbo di Dio fatto carne abbiamo la possibilità di un rapporto con Dio immediato, con quel paradosso che ricordavamo della mediazione che non sta a metà tra l’uomo e Dio ma unisce Dio all’uomo, e quindi colloca Dio esattamente nella dimensione della nostra esperienza umana. 
  28/08/2007 La Preghiera Sacerdotale di Gesù , 4, Esercizi spirituali, Giovanni 17, Lettera ai Tessalonicesi, Esercizi spirituali.2007  Celebrazione Eucaristica  Luciano Monari, Celebrazione Eucaristica (20070828) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 28 agosto 2007 Serie: La Preghiera Sacerdotale di Gesù 4 Id: Monari:20070828 Vuole dire: quando è andato a Tessalonica ad annunciare il Vangelo, non aveva alle spalle la soddisfazione di successi ottenuti, ma aveva conosciuto a Filippi oltraggi, era stato messo in carcere, era stato flagellato, aveva subito umiliazioni e sofferenze. Questo avrebbe dovuto distoglierlo dall’annuncio del Vangelo. 
  28/08/2007 La Preghiera Sacerdotale di Gesù ; 6  Terza Meditazione  Proviamo con la grazia del Signore ad entrare in questa preghiera solenne del Signore. Abbiamo ascoltato la richiesta di glorificazione rivolta al Padre, abbiamo ricordato il potere che è stato dato a Gesù come potere di dare la vita eterna. 
  28/08/2007 La Preghiera Sacerdotale di Gesù ; 5  Seconda Meditazione  Il motivo di questa richiesta di Gesù – richiesta di glorificazione: «glorifica il Figlio tuo, perché il Figlio glorifichi te» – si comprende benissimo se ricordate che siamo di fronte alla croce; siamo di fronte al processo e alla condanna di Gesù, alla umiliazione della persecuzione e a quella morte umiliante che è la morte di croce. 
  27/08/2007 La Preghiera Sacerdotale di Gesù , 3, Esercizi spirituali, Giovanni 17, Lettera ai Tessalonicesi, Esercizi spirituali.2007  Celebrazione Eucaristica  Luciano Monari, Celebrazione Eucaristica (20070827) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 27 agosto 2007 Serie: La Preghiera Sacerdotale di Gesù 3 Id: Monari:20070827 Vuole dire: la comunità cristiana non è un’associazione religiosa di persone che decidono di mettersi insieme perché in questo modo si aiutano o compiono meglio i gesti religiosi che desiderano compiere. 
  27/08/2007 , Esercizi spirituali, Salmo 91, Esercizi spirituali,2007  La Preghiera Sacerdotale di Gesù  Luciano Monari, La Preghiera Sacerdotale di Gesù (200708270). Vangelo di Giovanni cap. 17 Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 27 agosto 2007 Serie: La Preghiera Sacerdotale di Gesù 1 Id: Monari:200708270 
  27/08/2007 La Preghiera Sacerdotale di Gesù , 1, Esercizi spirituali, Giovanni 17, Salmo 91, Esercizi spirituali.2007  Introduzione  Luciano Monari, Introduzione (2007082701) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 27 agosto 2007 Serie: La Preghiera Sacerdotale di Gesù 1 Id: Monari:2007082701 È un Salmo che ha una concezione della vita molto precisa, consapevole, non si fa certamente delle illusioni. C’è di giorno la freccia che vola, di notte la peste che vaga, a mezzogiorno il contagio che devasta, c’è il laccio del cacciatore che può bloccare la nostra vita, c’è la peste che può distruggerla. 
  27/08/2007 La Preghiera Sacerdotale di Gesù ; 2  Prima Meditazione  Se ricordate, l’anno scorso avevamo meditato quei capitoli dal 13 al 16 del Vangelo secondo Giovanni che contengono i discorsi dell’“ultima cena”, ma nemmeno i discorsi dell’ultima cena, sono nel vangelo di Giovanni tutte le parole di Gesù rivolte ai suoi discepoli. 
  24/08/2007   Sono un difensore degli oratori  Molto spesso ci limitiamo a osservare come negli ultimi anni lo sport, inteso come “show-business”, abbia alterato, inquinato, degradato, impoverito i valori e le virtù dell’autodisciplina, della stima di sé e del duro lavoro, ottenuto con sforzi e sacrifici veri. 
  16/08/2007 Ordo Virginum, Giovanna Gabbi,Omelie.Esequie, Omelie  Invitata alle nozze eterne  Luciano Monari, Invitata alle nozze eterne (200708161) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 16 agosto 2007 Id: Monari:200708161 Partecipo con la preghiera al lutto della Chiesa reggiana per la morte di Giovanna Gabbi. Giovanna è stata un dono bello del Signore per molti di noi. Lo è stata negli anni dell’impegno intenso, intelligente, instancabile per l’Azione Cattolica; e lo è stata non meno negli anni di silenzio, adorazione, ascolto della Parola di Dio, preghiera. 
  16/08/2007 San Rocco  San Rocco  Inaugurazione dell’antica cappella di San Rocco restaurata, in cui da 400 anni non si celebrava più l’Eucaristia. Accanto alla cappella sono state restaurate alcuni appartamenti dedicati ai poveri. 
  15/08/2007   Assunzione della Beata Vergine Maria  Magnifichiamo il Signore per le opere grandi che compie nella vita degli uomini, per quello che ha compiuto in Maria di Nazaret elevandola alla pienezza della vita nella sua gloria, e quindi per quella Speranza che l’Assunzione di Maria significa per ciascuno di noi. 
  27/07/2007   Intervista al nuovo Vescovo di Brescia: Luciano Monari  Quello dei rapporti tra il Vescovo e la sua Chiesa è un tema molto importante. In modo particolare con i sacerdoti deve esserci quasi una sorta di identificazione. Il Vescovo e il suo presbiterio, infatti, devono essere una cosa sola, devono avere i medesimi desideri, gli stessi progetti. 
  20/07/2007 Il commiato del Vescovo Monari da Piacenza  Porto nel cuore l’amore per voi  Papa Benedetto XVI, in seguito alla rinuncia di mons. Giulio Sanguineti, ha nominato mons. Luciano Monari vescovo della Diocesi di Brescia. L’annuncio è stato dato giovedì 19 luglio alle ore 12 nella sala degli affreschi della Curia vescovile di Piacenza dallo stesso vescovo Monari, il quale ha indirizzato alla Diocesi di Piacenza-Bobbio il seguente messaggio. 
  20/07/2007 Il commiato del Vescovo Monari da Piacenza  Porto nel cuore l’amore per voi  Papa Benedetto XVI, in seguito alla rinuncia di mons. Giulio Sanguineti, ha nominato mons. Luciano Monari vescovo della Diocesi di Brescia. L’annuncio è stato dato giovedì 19 luglio alle ore 12 nella sala degli affreschi della Curia vescovile di Piacenza dallo stesso vescovo Monari, il quale ha indirizzato alla Diocesi di Piacenza-Bobbio il seguente messaggio. 
  20/07/2007 Il commiato del Vescovo Monari da Piacenza  Porto nel cuore l’amore per voi  Papa Benedetto XVI, in seguito alla rinuncia di mons. Giulio Sanguineti, ha nominato mons. Luciano Monari vescovo della Diocesi di Brescia. L’annuncio è stato dato giovedì 19 luglio alle ore 12 nella sala degli affreschi della Curia vescovile di Piacenza dallo stesso vescovo Monari, il quale ha indirizzato alla Diocesi di Piacenza-Bobbio il seguente messaggio. 
  20/07/2007 Il commiato del Vescovo Monari da Piacenza  Porto nel cuore l’amore per voi  Papa Benedetto XVI, in seguito alla rinuncia di mons. Giulio Sanguineti, ha nominato mons. Luciano Monari vescovo della Diocesi di Brescia. L’annuncio è stato dato giovedì 19 luglio alle ore 12 nella sala degli affreschi della Curia vescovile di Piacenza dallo stesso vescovo Monari, il quale ha indirizzato alla Diocesi di Piacenza-Bobbio il seguente messaggio. 
  19/07/2007   Messaggio del Vescovo Monari  Con gioia e riconoscenza ho accettato la nomina del Papa a vescovo della Chiesa bresciana. Ora prego il Signore che mi aiuti a vivere questa scelta come atto di amore. 
  12/07/2007   Nove Monsignori Cappellani di Sua Santità  Un tale riconoscimento sarebbe spettato a molti altri sacerdoti piacentini ma non potendo, per ovvi motivi, chiederlo per tutti coloro che ne avevano i meriti, è stata rinviata a lungo la richiesta da inoltrare al Papa. 
  04/07/2007 Sant’Antonino  S. Antonino martire  È vero che la storia della nostra città come quella di ogni gruppo umano è fatta di luci e di ombre, di amore e di odio, di bontà e di cattiveria, e proprio per questo qualcuno ha scritto che “senza la fede, senza gli “occhi” dell’amore, il mondo è troppo cattivo perché Dio sia buono, perché un Dio buono esista”… ma appunto, senza gli “occhi innamorati della fede”. 
  01/07/2007 Anno pastorale 2007-08  Sono in Te tutte le mie sorgenti  È fondata sulla roccia di un monte santificato dalla presenza di Dio e quindi è Dio stesso che la rende salda. Quale forza potrebbe dunque minacciare quella città? Quale nemico distruggerla? È la «città di Dio»; basterebbe questo titolo per comprenderne tutto il valore e apprezzarne l’invincibilità: «di te si dicono cose stupende, città di Dio». 
  23/06/2007   Ordinazione presbiterale di Giuseppe Perotti  I doni del Signore sono sempre motivo di stupore e di ringraziamento, e ancora più quando sono inattesi e grandi come il dono che questa sera il Signore fa alla nostra Chiesa piacentina-bobbiese con l’Ordinazione si Giuseppe Perotti. 
  14/06/2007   Giornata di Santificazione Sacerdotale  Se Gesù Cristo è grande, essere prete è bello perché significa operare in persona Christi, donare alla gente le sue parole, permettere loro di sperimentare la sua azione di guarigione, di toccare la sua carne e fare così esperienza di salvezza. 
  07/06/2007   Corpus Domini  È in particolare in questo giorno del Corpus Domini che la nostra riconoscenza vuole esprimersi coralmente come riconoscenza di tutta la nostra Diocesi della nostra città, perché l’amore del Signore ha operato meraviglie attraverso l’Eucaristia nei secoli. 
  07/06/2007   Giornata sacerdotale del Sacro Cuore  L’obiettivo primario: la comunione tra i sacerdoti. Perché il prete non è un single, che vive il suo ministero in solitudine. È parte di un corpo che – come gli apostoli – agisce collegialmente, in una logica di corresponsabilità e comunione. 
  07/06/2007 , Giornata sacerdotale, Clero  Relazione annuale sullo stato della Diocesi  Luciano Monari, Relazione annuale sullo stato della Diocesi (200706071) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 07 giugno 2007 Id: Monari:200706071 Il primo e più importante obiettivo, nel ministero di un vescovo, è senza dubbio alcuno la costruzione del presbiterio. Lo ritengo essenziale per la costruzione del senso della Chiesa locale e mi sembra debba diventare un impegno primario di noi tutti. 
  01/06/2007   Liturgia memoria Beato G.B. Scalabrini  Gerusalemme è quella patria che è l’unica patria nella quale è motivo di gioia vivere; è la patria donata dal Signore e, in Gerusalemme nella Terra Promessa, la vicinanza del Signore è continua e permanente. Vivere in Babilonia vuole dire: vivere in un modo non degno, non gioioso, non pieno di speranza; quindi esperienza di sofferenza e di lutto. 
  31/05/2007 , Secolarizzazione , Dibattito  Dall’assemblea: Domande a mons. Monari  Luciano Monari, Dall’assemblea: Domande a mons. Monari (200705311). C’è ancora posto per la Bibbia? La Parola di Dio e le parole dell’uomo Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 31 maggio 2007 Id: Monari:200705311 Mi pare però vero anche quello che scrive Gisbert Greshake in “Essere preti in questo tempo”, il quale parla della Chiesa come di una realtà “ibrida”, in quanto mette insieme, da una parte, un nucleo limitato di persone per le quali la fede è una scelta personale e consapevole… 
  31/05/2007 , Secolarizzazione , Dibattito  Dall’assemblea: Domande a mons. Monari  Luciano Monari, Dall’assemblea: Domande a mons. Monari (200705311). C’è ancora posto per la Bibbia? La Parola di Dio e le parole dell’uomo Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 31 maggio 2007 Id: Monari:200705311 Mi pare però vero anche quello che scrive Gisbert Greshake in “Essere preti in questo tempo”, il quale parla della Chiesa come di una realtà “ibrida”, in quanto mette insieme, da una parte, un nucleo limitato di persone per le quali la fede è una scelta personale e consapevole… 
  31/05/2007 , Secolarizzazione , Dibattito  Dall’assemblea: Domande a mons. Monari  Luciano Monari, Dall’assemblea: Domande a mons. Monari (200705311). C’è ancora posto per la Bibbia? La Parola di Dio e le parole dell’uomo Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 31 maggio 2007 Id: Monari:200705311 Mi pare però vero anche quello che scrive Gisbert Greshake in “Essere preti in questo tempo”, il quale parla della Chiesa come di una realtà “ibrida”, in quanto mette insieme, da una parte, un nucleo limitato di persone per le quali la fede è una scelta personale e consapevole… 
  31/05/2007 , Parola di Dio, Conferenze  La Parola di Dio e la società post-secolare  Luciano Monari, La Parola di Dio e la società post-secolare (200705312). C’è ancora posto per la Bibbia? La Parola di Dio e le parole dell’uomo Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 31 maggio 2007 Id: Monari:200705312 La Scrittura è strumento nel quale la vita dell’uomo tocca l’amore e viene trasformata in amore perché attraverso la Parola e nella Parola l’esistenza concreta dell’uomo si apre alla relazione personale e profonda con Dio. La Parola è il medium; e il contenuto è Dio. 
  31/05/2007 , Secolarizzazione , Dibattito  Dall’assemblea: Domande a mons. Monari  Luciano Monari, Dall’assemblea: Domande a mons. Monari (200705311). C’è ancora posto per la Bibbia? La Parola di Dio e le parole dell’uomo Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 31 maggio 2007 Id: Monari:200705311 Mi pare però vero anche quello che scrive Gisbert Greshake in “Essere preti in questo tempo”, il quale parla della Chiesa come di una realtà “ibrida”, in quanto mette insieme, da una parte, un nucleo limitato di persone per le quali la fede è una scelta personale e consapevole… 
  29/05/2007   Per dar voce alla Speranza  Quindi non si tratta di offrire delle cose, ma si tratta di offrire la nostra obbedienza alla legge, il nostro adempimento dei comandamenti, la riconoscenza che sta nel nostro cuore e si esprime in comportamenti di bene; “L’elemosina che dona agli altri quello che abbiamo ricevuto, l’astensione dalla malvagità e dall’ingiustizia”. 
  26/05/2007 Pentecoste  Come io vi ho amato  Chi ama diventa fragile, può facilmente essere offeso, umiliato, tradito; in qualche modo si consegna alla libertà degli altri e si prepara a soffrire. Se rinuncio ad amare e mi faccio una pelle di ippopotamo, sono più sicuro; gli altri faranno fatica a ferirmi, non riusciranno a raggiungere il mio cuore, sarò invulnerabile. 
  20/05/2007   Avvenire ci libera dal riduzionismo  In due recenti articoli sul Regno Luigi Accattoli racconta la sua esperienza di vaticanista di Repubblica e del Corriere della Sera. Sono articoli istruttivi perché dicono quanto i nostri grandi giornali siano incapaci di comprendere la logica della vita ecclesiale e, purtroppo, dicono anche la faziosità che dirige alcune scelte editoriali. 
  19/05/2007 Ordo Viduarum  Rito di benedizione delle Vedove  Ogni desiderio di consacrazione che si manifesta nella Chiesa viene dal Signore, per questo benediciamo il Signore che continua a chiamare delle persone alla sua sequela con il dono di tutta la loro vita. Siamo riconoscenti al Signore e preghiamo per queste nostre sorelle perché il cammino che il Signore chiede a loro di fare diventi sempre di più un cammino di servizio al Signore e alla Chiesa e a noi. 
  18/05/2007 Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti  L’imprenditore cristiano  Vorrebbe essere un segno della paternità nei vostri confronti. Il riconoscimento che avete un servizio importante da svolgere e un servizio nello stesso tempo difficile, perché riuscire a coniugare la fede con una responsabilità imprenditoriale è un problema complesso e difficile per il quale vi sono grato. 
  18/05/2007 Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti  L’imprenditore cristiano  Vorrebbe essere un segno della paternità nei vostri confronti. Il riconoscimento che avete un servizio importante da svolgere e un servizio nello stesso tempo difficile, perché riuscire a coniugare la fede con una responsabilità imprenditoriale è un problema complesso e difficile per il quale vi sono grato. 
  18/05/2007 Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti  L’imprenditore cristiano  Vorrebbe essere un segno della paternità nei vostri confronti. Il riconoscimento che avete un servizio importante da svolgere e un servizio nello stesso tempo difficile, perché riuscire a coniugare la fede con una responsabilità imprenditoriale è un problema complesso e difficile per il quale vi sono grato. 
  18/05/2007 Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti  L’imprenditore cristiano  Vorrebbe essere un segno della paternità nei vostri confronti. Il riconoscimento che avete un servizio importante da svolgere e un servizio nello stesso tempo difficile, perché riuscire a coniugare la fede con una responsabilità imprenditoriale è un problema complesso e difficile per il quale vi sono grato. 
  17/05/2007   Avrete forza dallo Spirito Santo  Quindi il contesto lo potete immaginare, è il capitolo della risurrezione, dove viene narrata la rivelazione alle donne, e poi le apparizioni di Gesù: prima a Pietro, poi ai due discepoli che stanno andando verso Emmaus, e infine agli Undici Apostoli e con altri Apostoli che si trovano nel Cenacolo. 
  15/05/2007   Gesù di Nazaret  Il titolo del libro non è completo, non hanno tradotto il sottotitolo, che dice: “Dal battesimo del Giordano alla Trasfigurazione”. Vuole dire che questa è solo la prima parte di un’opera, ne manca una seconda parte (ibidem pag. 20) che evidentemente è fondamentale e decisiva perché contiene il mistero della morte e risurrezione del Signore; e questo come collocazione. 
  15/05/2007 Gesù di Nazaret  Gesù di Nazaret  Posto questo si può capire come funziona il lavoro di Ratzinger. Se avete pazienza, perché qui è un pochino sottile il discorso, però tento di fare vedere come funziona nella Introduzione, sono pochissime pagine però dicono il metodo che Ratzinger ha usato. 
  12/05/2007   Impresa: Ruolo dei Professionisti e bene comune  Voglio dire, quando parliamo di “bene comune” ci riferiamo ad una nozione dinamica che si sviluppa e si modifica con il cambiare e il rinnovarsi delle situazioni, ma che mantiene sempre il riferimento essenziale all’unità e alla globalità della persona umana. 
  06/05/2007 Beata Gattorno  Beata Rosa Gattorno  E ricordare Madre Rosa vuole dire ricordare che in mezzo a noi il Signore ha suscitato un cammino di santità che rimane tra di noi motivo di stupore e di gioia, e anche di stimolo perché quello che il Signore ha compiuto nei santi continua a compierlo dove ci sono dei cuori disponibili a lasciarsi trasformare e rinnovare. 
  01/05/2007 Morale sul corpo  In ogni cosa la giusta misura  Un atleta si prepara per correre i quattrocento metri a ostacoli. Non è difficile immaginare il suo impegno costante negli allenamenti, l’attenzione a correggere e migliorare i movimenti delle gambe, delle braccia, del corpo per ottenere maggiore scioltezza e velocità. Né è difficile capire che, se vuole diventare un campione, dev’essere temperante: nel cibo, per esempio, o nei divertimenti. 
  01/05/2007 , Prete , Conferenze  Il prete chi è?  Luciano Monari, Il prete chi è? (200705011). Risponde un esperto Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 maggio 2007 Id: Monari:200705011 Ed è un sacerdote per due motivi: Anzitutto, perché attraverso di lui Dio ha donato agli uomini ogni cosa, in particolare la sua amicizia e il perdono dei peccati. In secondo luogo perché lui, uomo, è entrato nella vita di Dio e ha aperto anche per noi la medesima strada. 
  26/04/2007   L’Aggiornamento del Clero  A questo discorso sulla “Regola di vita” aggiungo due parole sull’“Aggiornamento”. Abbiamo un documento che il Consiglio Presbiterale ha prodotto e produce sulla formazione permanente del clero che credo sia prezioso e possa diventare una specie di “legge quadro” nel cammino della formazione permanente del clero. 
  26/04/2007   L’Aggiornamento del Clero  A questo discorso sulla “Regola di vita” aggiungo due parole sull’“Aggiornamento”. Abbiamo un documento che il Consiglio Presbiterale ha prodotto e produce sulla formazione permanente del clero che credo sia prezioso e possa diventare una specie di “legge quadro” nel cammino della formazione permanente del clero. 
  26/04/2007   La regola di vita del prete  Parto da una pagina di Fromm nel suo libro “Arte di Amare”, quando arriva alla conclusione per indicare la pratica dell’“Arte di amare”, dove dice che sono necessarie alcune scelte di fondo, e ne fa l’elenco… 
  26/04/2007 Gesù e il Padre sono una cosa sola  Io sono il Buon Pastore  Il Signore risorto continua a vivere nella Chiesa, a parlare e a chiamare la sua Chiesa al discepolato, alla sequela fedele di Lui; e noi tentiamo di rispondere con la nostra debolezza ma con il desiderio che abbiamo nel cuore di appartenere al Signore con tutto noi stessi. 
  26/04/2007   L’Aggiornamento del Clero  A questo discorso sulla “Regola di vita” aggiungo due parole sull’“Aggiornamento”. Abbiamo un documento che il Consiglio Presbiterale ha prodotto e produce sulla formazione permanente del clero che credo sia prezioso e possa diventare una specie di “legge quadro” nel cammino della formazione permanente del clero. 
  26/04/2007   L’Aggiornamento del Clero  A questo discorso sulla “Regola di vita” aggiungo due parole sull’“Aggiornamento”. Abbiamo un documento che il Consiglio Presbiterale ha prodotto e produce sulla formazione permanente del clero che credo sia prezioso e possa diventare una specie di “legge quadro” nel cammino della formazione permanente del clero. 
  22/04/2007   Fragilità e speranza del credente  Provo proporre tre piccole riflessioni, sono valutazioni quindi non c’è niente di nuovo in particolare, sul tema “Fragilità e speranza”, come metterli insieme, e in quali modi una persona, un credente, può vivere con speranza la sua esperienza della fragilità. 
  21/04/2007 Sport  Copra, il vescovo parla ai dirigenti  Ci vogliono: disciplina, concentrazione, pazienza e interesse per l’altro. La disciplina si basa sull’ordine. Il pasticcio è che noi viviamo una vita per certi versi complessa: siamo presi da mille cose e ci perdiamo nel disordine delle nostre giornate. Così facendo ci lasciamo vivere, non prendiamo in mano le redini della nostra esistenza. 
  18/04/2007   Tecnologia avanzata e dignità del malato  M’interessa questa strofa famosa del “Canto notturno di un pastore errante dell’asia”, per un motivo semplice. Perché ci ricorda che la cura di cui noi abbiamo bisogno incomincia con il momento stesso della nascita, e si dovrebbe dire anche prima, e termina con la morte e non prima. 
  15/04/2007 Casa Carità - Madonna del Popolo  Processione della Madonna del Popolo  Nello stesso tempo celebriamo la festa della Madonna del Popolo che per la Chiesa di Piacenza ha una importanza grande: è il riconoscimento della maternità di Maria nei confronti della comunità cristiana, e di quella esemplarità che la sua fede conserva per tutto il nostro cammino della nostra vita. 
  13/04/2007   La vocazione religiosa nella relazione con le altre vocazioni ecclesiali  Ho allora cercato di circoscrivere la domanda ponendola dal punto di vista di un vescovo e quindi in funzione della vita di una Chiesa particolare: come vedo il valore della presenza dei religiosi nella diocesi? 
  08/04/2007 Messaggio di Pasqua, Messaggi  Il messaggio Pasquale del Vescovo  Luciano Monari, Il messaggio Pasquale del Vescovo (200704082) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 08 aprile 2007 Id: Monari:200704082 È nota la storia di Crono (il tempo), figlio di Urano (il cielo) e di Gea (la terra) che divorava uno dopo l’altro i suoi figli appena nati. È l’immagine eloquente di come l’uomo percepisce il mistero del tempo che cancella tutti gli eventi, uno dopo l’altro: quello che ho vissuto non esiste più e quello che sto vivendo passa irrevocabilmente in un attimo per diventare tempo passato, morto. 
  08/04/2007 Giorno di Pasqua  Domenica di Pasqua  È bello che ci troviamo insieme a celebrare questa Eucaristia nel giorno di Pasqua. È la risurrezione del Signore. 
  08/04/2007 Messaggio di Pasqua, Pasqua, Messaggi  Fare Pasqua per cambiare  Luciano Monari, Fare Pasqua per cambiare (200704081) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 08 aprile 2007 Id: Monari:200704081 Nel discorso al Convegno di Verona il Papa ha offerto una stupenda riflessione sul significato della risurrezione di Gesù. L’ha definita “la più grande “mutazione” mai avvenuta, il “salto” decisivo verso una condizione di vita profondamente nuova, l’ingresso in un ordine decisamente diverso che riguarda anzitutto Gesù di Nazareth, ma con lui anche noi, tutta la famiglia umana”. 
  07/04/2007 Veglia di Pasqua  Domenica di Pasqua nella risurrezione del Signore  Ci si potrebbe chiedere: ma perché, se questo è il disegno di Dio, Egli non ci dona direttamente questa vita? Perché ci colloca in un mondo ambiguo come il nostro e ci costringe a passare attraverso un cammino non facile di tribolazioni e di prove? E soprattutto perché ci lascia afferrare dall’orrore della morte? 
  06/04/2007   Venerdì Santo in Passione Domini  E ripercorrendo il vangelo di Giovanni, questa sottolineatura della libertà di Gesù, della sua sovranità, addirittura della sua regalità esplicita, viene chiaramente espressa a partire dal racconto della cattura di Gesù. 
  05/04/2007 Giovedì Santo  Messa del Crisma  Ci ha ricordato il Papa a Verona che la “Chiesa è la primizia dell’umanità rinnovata che scaturisce dall’azione del Cristo risorto ed è quindi opera di Dio e non nostra”. Per questo quando guardiamo la Chiesa dobbiamo guardarla con gli occhi di fede, capaci di riconoscere quello che Dio continua a operare dentro la nostra storia. 
  05/04/2007 Cena Domini  Messa vespertina in Coena Domini  E proprio in quella Pasqua, Gesù ci ha donato l’Eucaristia come compimento della Pasqua di Israele, come Sacramento del suo amore, e sorgente di una vita nuova: di una vita che sia fatta di fraternità e di comunione e di reciprocità. 
  01/04/2007 La parola di Dio: Chi è forte non si scoraggia mai, Messaggi  Chi è forte non si scoraggia mai  Luciano Monari, Chi è forte non si scoraggia mai (200704011) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 aprile 2007 Id: Monari:200704011 L’immagine completa della fortezza è proprio Gesù che «in cambio della gioia che gli era posta innanzi, si sottopose alla croce, disprezzando l’ignominia, e si è assiso alla destra di Dio». Strana fortezza! Si manifesta non conquistando un potere mondano o umiliando re ed eserciti avversari; ma sottoponendosi, per obbedienza e per amore, al supplizio della croce e cioè a una sofferenza atroce, a una umiliazione profonda. 
  01/04/2007   Domenica delle Palme  Il racconto della Passione domina chiaramente il cammino di questa Settimana Santa, il nostro cammino verso la risurrezione del Signore, e la vita nuova che in Cristo ci viene donata. 
  29/03/2007 Matrimonio e Famiglia  Non potevamo tacere. Lo esigeva la famiglia  Effettivamente tutti i vescovi italiani hanno già parlato del problema, con dichiarazioni pubbliche o interventi diretti alle loro diocesi. Ma era giusto che anche il Consiglio permanente, il quale rappresenta tutti i vescovi italiani, attraverso i presidenti delle conferenze regionali, prendesse una posizione unica. 
  29/03/2007   Sacramento della Riconciliazione  Nel cammino di penitenza quaresimale questo è un passaggio necessario; passaggio difficile, anche duro, ma necessario: il riconoscimento del nostro peccato, e questo non è mai motivo di gratificazione, c’è sempre un aspetto di tristezza nel riconoscere le nostre incoerenze e mancanze. 
  25/03/2007 Donna Adultera  Annunciazione di Maria SS.  È la quinta domenica di Quaresima, quindi quasi il culmine del nostro cammino penitenziale che abbiamo iniziato. Ma è anche il 25 marzo, quindi il giorno dell’Annunciazione di Maria SS. Credo che le letture che abbiamo ascoltato possano aiutarci a comprendere bene e a vivere bene questa giornata con gioia. 
  24/03/2007 Donna Adultera  La dedicazione dell’altare  Provo spiegare perché è così importante nella vita di una Chiesa la Consacrazione di un Altare, che cosa significa. 
  24/03/2007 Donna Adultera  La dedicazione dell’altare  Provo spiegare perché è così importante nella vita di una Chiesa la Consacrazione di un Altare, che cosa significa. 
  24/03/2007 Donna Adultera  La dedicazione dell’altare  Provo spiegare perché è così importante nella vita di una Chiesa la Consacrazione di un Altare, che cosa significa. 
  24/03/2007 Donna Adultera  La dedicazione dell’altare  Provo spiegare perché è così importante nella vita di una Chiesa la Consacrazione di un Altare, che cosa significa. 
  22/03/2007 Donna Adultera  Donna non sarai rivestita di pietre  È evidente che dentro la domanda c’è una insidia. Perché uno dei tratti caratteristici del comportamento di Gesù è sempre stato il suo atteggiamento di accoglienza nei confronti dei pubblicani e dei peccatori; anzi di questo atteggiamento Gesù ha dato anche una motivazione teologica. 
  19/03/2007   Suore Missionarie di San Carlo Borromeo Scalabriniane  Ringrazio tutti di essere qui con voi a celebrare questa Eucaristia della festa di San Giuseppe, ad accogliere anche i frutti delle vostre organizzazioni provinciali che ponete davanti al Signore, e la speranza che anche il Capitolo dell’anno che avete come modello possa portare dei frutti abbondanti. 
  18/03/2007 Figlio Prodigo  Liturgia  Ha però un vantaggio, che a questo punto, dice il Vangelo di Luca: «[17] Rientrò in se stesso», cioè si rende conto dell’errore che ha fatto. Non solo, ma mantiene nei confronti di suo padre in fondo un atteggiamento di stima… 
  16/03/2007 Civitas et Ekklesia  Elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale  Tra qualche mese saremo chiamati a votare per eleggere il sindaco e il Consiglio Comunale. Che cosa può interessare a un vescovo in un appuntamento del genere? Non certo l’indicazione dello schieramento per cui votare. 
  15/03/2007 Figlio Prodigo  Portate il vestito più bello  Gesù deve dunque spiegare il significato del suo comportamento, perché Lui accolga e volentieri i pubblicani e i peccatori, perché non faccia una distinzione di principio tra quelli che sono giusti e quelli invece hanno bisogno di perdono, ma a tutti offra il perdono gratuito di Dio; perché Gesù si comporta così? 
  11/03/2007 Esercizi Spirituali per giovani ; 3  Terza Meditazione  È il racconto dell’ultima cena nel Vangelo secondo Luca, in una condizione della tradizione che sta tra gli altri sinottici e il lunghissimo discorso – che conoscete – del vangelo secondo Giovanni. Naturalmente non lo commento tutto perché non abbiamo tempo ma mi fermo sull’aspetto centrale, sulla cena che viene fatta. 
  10/03/2007 Esercizi Spirituali per giovani ; 1  Prima Meditazione  I testi a cui faccio riferimento in questa meditazione sono tre, che potete poi leggere per conto vostro con calma, e sono: Esodo cap. 6,2-8; Esodo cap. 14; Luca cap. 24,13-35. Questi insieme vogliono dire: Pasqua! Andiamo verso la Pasqua, Pasqua sta al cuore dell’esperienza di Israele, sta anche al cuore dell’esperienza cristiana, e vorrei riuscire ad articolare meglio il significato di questa espressione. 
  10/03/2007 Esercizi Spirituali per giovani ; 2  Seconda Meditazione  Abbiamo visto il significato fondamentale dell’esperienza dell’Esodo per Israele e nella nostra vita di cristiani e ci ricordava il Papa che la cifra del mistero della risurrezione, di quell’esodo fondamentale che il Cristo vive, è l’amore e che soltanto nella logica dell’amore questo mistero della risurrezione può essere accostato e in qualche modo compreso. 
  08/03/2007 Conversione  Io sono colui che sono  È vero che in certi momenti possiamo non sentirlo, è vero che fa parte della nostra esperienza anche la realtà dell’oscurità, della tenebra. Ma crediamo che Dio rimanga sempre il Dio che è, Colui che accompagna le sue creature, ciascuno di noi, nel cammino della sua vocazione della sua santità. 
  01/03/2007 , Oratori,Anspi, Oratori  Almeno un oratorio in ogni unità pastorale  Luciano Monari, Almeno un oratorio in ogni unità pastorale (200703011) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 marzo 2007 Id: Monari:200703011 Come si può inserire dentro al progetto diocesano di pastorale l’esperienza degli oratori, questo tipo di servizio fatto ai giovani? Girando nelle scuole, in mezzo ai giovani, una delle domande che mi è fatta più spesso è questa: che cosa fa la Chiesa per i giovani?, con una specie di sottinteso rimprovero alla Chiesa di non fare molto e non a sufficienza di proposte al mondo giovanile. 
  01/03/2007 , Articoli  L’atteggiamento cristiano di fronte alla vita  Luciano Monari, L’atteggiamento cristiano di fronte alla vita (200703016) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 marzo 2007 Id: Monari:200703016 Dal punto di vista cristiano il discorso è: l’uomo è più grande di sé perché è immagine di Dio, e in quanto è immagine di Dio non è possibile manipolarlo, quindi non è possibile avere un potere sulla vita umana che definisca quello che la vita umana vuole essere secondo quello che dico io. Il diritto alla vita inerisce alla vita umana stessa. 
  01/03/2007 Associazione Genitori Scuole Cattoliche, Famiglia,Vita, Intervista  Famiglia e vita  Luciano Monari, Famiglia e vita (200703012). La gioia di vivere: medicina del cuore Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 marzo 2007 Id: Monari:200703012 Quello che tiene in piedi le famiglie è una specie di patto fra le persone e la vita; un individuo si sposa perché crede nella vita, mette al mondo un figlio perché crede nella vita ed è proprio in questo contesto che la vita ha il suo sostegno e la sua espressione più significativa e più bella, quella fondamentale. 
  01/03/2007 , Articoli  L’atteggiamento cristiano di fronte alla vita  Luciano Monari, L’atteggiamento cristiano di fronte alla vita (200703016) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 marzo 2007 Id: Monari:200703016 Dal punto di vista cristiano il discorso è: l’uomo è più grande di sé perché è immagine di Dio, e in quanto è immagine di Dio non è possibile manipolarlo, quindi non è possibile avere un potere sulla vita umana che definisca quello che la vita umana vuole essere secondo quello che dico io. Il diritto alla vita inerisce alla vita umana stessa. 
  01/03/2007 Trasfigurazione, Scuola della Parola.2007,Omelie.C.Q02, Omelie  Il Signore è mia luce e mia salvezza  Luciano Monari, Il Signore è mia luce e mia salvezza (200703014) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 marzo 2007 Id: Monari:200703014 Questo cammino lo facciamo con gioia, perché abbiamo la speranza grande che in obbedienza alla parola del Signore la nostra vita possa diventare una vita di comunione gioiosa con Lui, e una vita di amore autentico, che si apre a tutti i fratelli con generosità. 
  01/03/2007 , Sacerdozio  Il prete chi è?  Luciano Monari, Il prete chi è? (200703013) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 marzo 2007 Id: Monari:200703013 Per noi c’è un unico sacerdote: Gesù Cristo. Ed è sacerdote per due motivi: anzitutto, perché attraverso di lui Dio ha donato agli uomini ogni cosa, in particolare la sua amicizia e il perdono dei peccati; in secondo luogo perché lui, uomo, è entrato nella vita di Dio e ha aperto anche per noi la medesima strada. Detto con le parole della Lettera agli Ebrei: «dopo aver compiuto la purificazione dei peccati si è assiso alla destra della Maestà nell’alto dei cieli» (Eb 1,3). 
  01/03/2007 , Articoli  L’atteggiamento cristiano di fronte alla vita  Luciano Monari, L’atteggiamento cristiano di fronte alla vita (200703016) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 marzo 2007 Id: Monari:200703016 Dal punto di vista cristiano il discorso è: l’uomo è più grande di sé perché è immagine di Dio, e in quanto è immagine di Dio non è possibile manipolarlo, quindi non è possibile avere un potere sulla vita umana che definisca quello che la vita umana vuole essere secondo quello che dico io. Il diritto alla vita inerisce alla vita umana stessa. 
  01/03/2007 , Articoli  L’atteggiamento cristiano di fronte alla vita  Luciano Monari, L’atteggiamento cristiano di fronte alla vita (200703016) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 marzo 2007 Id: Monari:200703016 Dal punto di vista cristiano il discorso è: l’uomo è più grande di sé perché è immagine di Dio, e in quanto è immagine di Dio non è possibile manipolarlo, quindi non è possibile avere un potere sulla vita umana che definisca quello che la vita umana vuole essere secondo quello che dico io. Il diritto alla vita inerisce alla vita umana stessa. 
  01/03/2007 , Intervista  Intervista straordinaria  Luciano Monari, Intervista straordinaria (200703017) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 marzo 2007 Id: Monari:200703017 Legare la fede con i comportamenti quotidiani, ossia voler bene al Signore e a tutti, in tutti gli ambienti e occasioni, perché siamo in una società in cui si tende ad adattarsi all’ambiente in cui ci si trova, mettendo a rischio identità e coerenza 
  01/03/2007 La Giustizia, Giustizia, Aticoli  Rispetta i diritti tuoi e di tutti  Luciano Monari, Rispetta i diritti tuoi e di tutti (200703015) Data Copyright: 2007 Data pubblicazione: 01 marzo 2007 Id: Monari:200703015 Questo modo di intendere la giustizia (essere giusti significa fare la volontà di Dio) è caratteristico della Bibbia ed è in parte diverso dall’uso “normale”, che intende la giustizia come la virtù che inclina a “dare a ciascuno il suo”, cioè a riconoscere in modo effettivo i diritti degli altri. Era questa la concezione di Aristotele e da lui è passata in tutta la storia del pensiero occidentale. 
  25/02/2007 Tentazioni di Gesù, Omelie.C.Q01, Omelie  I Domenica Quaresima  Luciano Monari, I Domenica Quaresima (200702252) Data Copyright: 25 febbraio 2007 Data pubblicazione: 25 febbraio 2007 Id: Monari:200702252 Tutti gli inizi sono sempre accompagnati dalla Speranza. E anche noi è con speranza grande che iniziamo il cammino quaresimale. È il tempo della Salvezza, è il dono della grazia di Dio, è il sostegno della sua Parola e del suo Spirito. 
  25/02/2007 Convegno di Verona  La Chiesa ci accompagna incontro a Gesù  Al centro della nostra fede c’è la risurrezione di Cristo, e questo è fuori discussione. Perché, dice il Papa, “La risurrezione di Cristo è un fatto avvenuto nella storia”, ma non è dentro la storia; non è un tornare indietro di Gesù Cristo, per cui la Domenica di Pasqua Gesù ritorna ad essere quello del Giovedì Santo prima della Passione, non è questo. 
  25/02/2007 Convegno di Verona, Esercizi spirituali.2007  La risurrezione di Gesù  Luciano Monari, La risurrezione di Gesù (200702251) Data Copyright: 25 febbraio 2007 Data pubblicazione: 25 febbraio 2007 Id: Monari:200702251 Innanzitutto, la Risurrezione di Cristo è un avvenimento della storia. Non c’è dubbio, gli Apostoli sono stati testimoni del Signore risorto, ma nello stesso tempo, dice il Papa, “essa non è affatto un semplice ritorno alla nostra vita terrena”. 
  22/02/2007 Professione di fede di Pietro  Messa in ricordo di don Giussani  E un prete ha fatto questa domanda: “Come fanno i missionari a insegnare il “Padre nostro”, insegnare ai bambini a dire “Dacci oggi il nostro pane quotidiano”, quando la condizione di quei bambini è di non avere il “pane quotidiano”? È possibile insegnare il “Padre nostro”? 
  21/02/2007 Omelie.Mercoledì delle Ceneri  Mercoledì delle Ceneri  Il fatto di averli con noi ci dà una gioia grande, ci fa vedere che il Signore continua a operare e a chiamare delle persone con la rivelazione del suo amore e della sua grazia. E la loro gioia e l’entusiasmo e l’impegno sono di stimolo anche per noi; perché anche noi possiamo riscoprire la bellezza di quella vita cristiana che abbiamo ricevuto da sempre, e della quale a volte siamo meno consapevoli, la ricordiamo meno come dono grande del Signore. 
  14/02/2007   Caso Cirio: Tutelare le persone e il lavoro  La comunità civile della Provincia di Piacenza sta vivendo la difficile situazione aziendale e occupazionale della Società Cirio a San Polo di Podenzano, con possibile riduzione dell’attività produttiva ed inevitabili conseguenze sulla occupazione di tanti lavoratori. 
  09/02/2007 Matrimonio e Famiglia  Il motivo per cui non riusciamo ad accettare i Pacs  Non diciamo: le convivenze sono contro la morale cattolica e quindi siamo contrari a riconoscerle giuridicamente. Diciamo invece: le convivenze sono rischiose per il bene della società e per questo siamo contrari a una loro legalizzazione. 
  08/02/2007 Vita  L’atteggiamento cristiano di fronte la vita  Dico alcune cose sull’atteggiamento cristiano di fronte la vita, non tutti i problemi anche perché tutte le risposte non le ho, le stiamo cercando, le cerchiamo insieme; alcune cose sono chiare altre sono più confuse, quindi abbiamo bisogno di rifletterci sopra, però il richiamo alle cose fondamentali credo che possa servire a tutti. 
  08/02/2007 Vita  L’atteggiamento cristiano di fronte la vita  Dico alcune cose sull’atteggiamento cristiano di fronte la vita, non tutti i problemi anche perché tutte le risposte non le ho, le stiamo cercando, le cerchiamo insieme; alcune cose sono chiare altre sono più confuse, quindi abbiamo bisogno di rifletterci sopra, però il richiamo alle cose fondamentali credo che possa servire a tutti. 
  08/02/2007 Vita  L’atteggiamento cristiano di fronte la vita  Dico alcune cose sull’atteggiamento cristiano di fronte la vita, non tutti i problemi anche perché tutte le risposte non le ho, le stiamo cercando, le cerchiamo insieme; alcune cose sono chiare altre sono più confuse, quindi abbiamo bisogno di rifletterci sopra, però il richiamo alle cose fondamentali credo che possa servire a tutti. 
  08/02/2007 Vita  L’atteggiamento cristiano di fronte la vita  Dico alcune cose sull’atteggiamento cristiano di fronte la vita, non tutti i problemi anche perché tutte le risposte non le ho, le stiamo cercando, le cerchiamo insieme; alcune cose sono chiare altre sono più confuse, quindi abbiamo bisogno di rifletterci sopra, però il richiamo alle cose fondamentali credo che possa servire a tutti. 
  07/02/2007 Azione Cattolica Italiana  Debitori del Vangelo  “Debitori del Vangelo”; l’espressione viene naturalmente dalla lettera ai Romani dove Paolo dice di essere “in debito [del vangelo] verso i Greci come verso i barbari, verso i dotti come verso gli ignoranti”. 
  03/02/2007   Amare e desiderare la vita  …siamo tutti debitori dell’amore degli altri –, ebbene se tenete presente questo, allora si capisce che questa dimensione di amore deve attraversare tutti i rapporti che noi viviamo, tutti gli incontri che la vita ci fa sperimentare. 
  02/02/2007 Il Papa? Un uomo affabile e sereno  Il Papa? Un uomo affabile e sereno  Per essere Chiesa, la Chiesa di Piacenza-Bobbio occorre che sia cattolica, cioè universale, attraverso la comunione con tutti i vescovi. La garanzia di questa comunione è data dalla comunione con la Chiesa di Roma, che fa da centro. Attraverso la comunione con la Chiesa di Roma siamo in comunione con tutte le Chiese. Abbiamo garanzia di essere dentro la fede cattolica e dentro la communio cattolica. 
  02/02/2007   Presentazione del Signore al Tempio  Quaranta giorni dopo la nascita di Gesù, Maria e Giuseppe vanno al tempio per offrire il loro figlio al Signore. In questo modo rispondono a un dono con un altro dono. Dio ha fatto loro il dono di un figlio; e così essi lo riconoscono e lo offrono a Dio perché quel figlio diventi non quello che loro – i genitori – potrebbero sognare, ma quello che Dio nella sua sapienza desidera. 
  01/02/2007 La prudenza  L’arte di saper pensare  “Prudenza” è l’arte di riconoscere questo tempo e fare ogni cosa nel modo giusto senza sbagliare il passo, senza correre quando è il momento di tirare il freno o frenare quando invece torna utile correre. 
  01/02/2007 La prudenza  L’arte di saper pensare  “Prudenza” è l’arte di riconoscere questo tempo e fare ogni cosa nel modo giusto senza sbagliare il passo, senza correre quando è il momento di tirare il freno o frenare quando invece torna utile correre. 
  01/02/2007 La prudenza  L’arte di saper pensare  “Prudenza” è l’arte di riconoscere questo tempo e fare ogni cosa nel modo giusto senza sbagliare il passo, senza correre quando è il momento di tirare il freno o frenare quando invece torna utile correre. 
  01/02/2007 La prudenza  L’arte di saper pensare  “Prudenza” è l’arte di riconoscere questo tempo e fare ogni cosa nel modo giusto senza sbagliare il passo, senza correre quando è il momento di tirare il freno o frenare quando invece torna utile correre. 
  19/01/2007   Messa Esequiale di Mons. Gianfranco Ciatti  Monsignor Ciatti, don Gianfranco, è stato un prete fedele. Ha svolto per lunghi anni un servizio difficile e delicato nel campo delle comunicazioni – la stampa, la radio – e lo ha svolto con un amore senza riserve alla Chiesa, con un grande senso di responsabilità, tenendo sempre come criterio di ogni scelta il bene della Chiesa, della Diocesi. 
  06/01/2007 Epifania  Epifania del Signore  Questa è la Epifania che celebriamo: la rivelazione di Dio nella carne umana; e vuole dire la rivelazione dell’interesse e dell’amore e della stima di Dio per l’uomo. Accogliamo questa rivelazione, manifestazione del Signore, come sorgente di consolazione e di gioia. 
  04/01/2007   Il Presbitero per una Chiesa ricca di vocazioni  La prima e fondamentale vocazione comune a tutti gli uomini è quella di “diventare uomini”. L’affermazione può sembrare lapalissiana, ma in realtà suppone un modo preciso di interpretare la condizione umana. 
  04/01/2007   “Preti innamorati” delle persone  Se i giovani hanno l’impressione di diventare “meno uomini” facendo il prete – ha proseguito il vescovo – riusciremo ad attirare solo persone che cercano nel sacerdozio un rifugio dalla fatica di vivere 
  03/01/2007 , Omelie  Perché anche la nostra vita sia animata dal medesimo spirito che ha plasmato l’essere e l’agire di Gesù!  Giovanni Battista dice di Gesù che è l’Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo e la Prima lettera di San Giovanni dice che Gesù è venuto per togliere i peccati. E mi viene da dire: ma è realmente così? Ha veramente tolto i peccati del mondo? 
  01/01/2007   Primo giorno dell’anno  La prima lettura dell’anno nuovo è una formula di benedizione mediante la quale, dice il Libro dei Numeri, il nome di Dio viene posto su Israele e Israele riceve la benedizione di Dio. La formula inizia col verbo “benedire” e termina con la parola “pace”. 
  01/01/2007   Primo giorno dell’anno  La prima lettura dell’anno nuovo è una formula di benedizione mediante la quale, dice il Libro dei Numeri, il nome di Dio viene posto su Israele e Israele riceve la benedizione di Dio. La formula inizia col verbo “benedire” e termina con la parola “pace”. 
  01/01/2007   Primo giorno dell’anno  La prima lettura dell’anno nuovo è una formula di benedizione mediante la quale, dice il Libro dei Numeri, il nome di Dio viene posto su Israele e Israele riceve la benedizione di Dio. La formula inizia col verbo “benedire” e termina con la parola “pace”. 
  01/01/2007   Primo giorno dell’anno  La prima lettura dell’anno nuovo è una formula di benedizione mediante la quale, dice il Libro dei Numeri, il nome di Dio viene posto su Israele e Israele riceve la benedizione di Dio. La formula inizia col verbo “benedire” e termina con la parola “pace”.