Ritorna alla pagina principale

Mons. Luciano Monari

Vescovo di Brescia

Ordina per data Ordina per tema Documenti in formato compresso

  31/12/2008   S. Messa di fine anno e Te Deum  È veramente cosa buona e giusta rendere grazie in ogni tempo e in ogni luogo. 
  25/12/2008   Natale del Signore nella Messa della notte  Al centro del Natale c’è naturalmente il Bambino; è la sua nascita che festeggiamo con gioia; e a lui sono riferiti tutti gli altri personaggi del vangelo di Luca: sua madre e Giuseppe; Quirino, governatore della Siria e Augusto, imperatore di Roma; i pastori e gli angeli. Tutti, lo sappiano o no, agiscono e si muovono in funzione di quel bambino. La vita di sua madre è totalmente dedicata a lui; Giuseppe è lì per proteggere la madre che porta il bambino. Augusto, padrone del mondo, e Quirino, che governa il Medio Oriente, hanno indetto il censimento perché quel bambino possa nascere a Betlemme, secondo la profezia di Michea. Per capire il Natale bisogna contemplare con gli occhi e col cuore quel bambino. 
  24/12/2008 Lettera natalizia agli sposi della diocesi di Brescia  Lettera natalizia agli sposi della diocesi di Brescia  A voi è stato dato un dono grande insieme ad una responsabilità piena di speranza: mostrare nella Chiesa e nel mondo l’amore di Dio che si fa piena comunione, fedeltà operosa e fecondità generosa. 
  19/12/2008   È sempre Natale  Il Natale di Gesù e avvenuto una volta per tutte a Betlemme, quando Erode era re della Giudea. Ma l’effetto del Natele dura sempre, supera le distanze di spazio e di tempo per essere attuale ovunque. 
  08/12/2008   Immacolata Concezione Beata Vergine Maria  Le feste cristiane sono portatrici di speranza; in esse si celebra l’azione di Dio verso di noi, la sua volontà di amore e di salvezza per gli uomini. Che Dio si pieghi verso di noi, che ci rivolga il suo sguardo, che entri in comunione con noi e faccia di noi dei suoi interlocutori è fondamento di una dignità incomparabile e motivo di fiducia 
  27/11/2008   La forza della Vita  Ogni bambino nasce con un desiderio intenso di vivere. Per questo si aggrappa alle mammelle della madre che significano nutrimento e quindi vita, l’unica possibilità di vita per lui; per questo piange quando ha lo stimolo della fame e non lo vede soddisfatto. Lo muove un amore immediato, istintivo, carnale della vita, un amore che s’intreccia con la vita stessa. La vita è un miracolo grande nella storia del mondo; ma è un miracolo fragile, che può essere distrutto facilmente da un fattore ostile qualsiasi, fisico o chimico. 
  21/11/2008   Sconfitta l’umanità dell’uomo  Nel caso di Eluana Englaro, “è stata sconfitta l’umanità dell’uomo”, perché “abbiamo rinunciato a essere quello che dobbiamo diventare”. 
  21/11/2008 , Eluana Englaro,Eutanasia, Articoli  Eluana sarà nelle mani del Signore, noi siamo consegnati a deboli mani d’uomo  Luciano Monari, Eluana sarà nelle mani del Signore, noi siamo consegnati a deboli mani d’uomo (200811211). Il Vescovo di Brescia affida la sua riflessione al settimanale diocesano Data Copyright: 2008 Data pubblicazione: 21 novembre 2008 Id: Monari:200811211 Probabilmente l’atteggiamento migliore sarebbe la preghiera e il silenzio, la fine delle discussioni e delle polemiche, uno spazio per il pentimento e l’attesa. Ma il silenzio può essere interpretato male, come segno di indifferenza; e allora, seppure con un po’ di disagio, credo sia necessario dire una parola: che sia soprattutto espressione di sofferenza. 
  21/11/2008   Sconfitta l’umanità dell’uomo  Nel caso di Eluana Englaro, “è stata sconfitta l’umanità dell’uomo”, perché “abbiamo rinunciato a essere quello che dobbiamo diventare”. 
  21/11/2008   Sconfitta l’umanità dell’uomo  Nel caso di Eluana Englaro, “è stata sconfitta l’umanità dell’uomo”, perché “abbiamo rinunciato a essere quello che dobbiamo diventare”. 
  21/11/2008   Sconfitta l’umanità dell’uomo  Nel caso di Eluana Englaro, “è stata sconfitta l’umanità dell’uomo”, perché “abbiamo rinunciato a essere quello che dobbiamo diventare”. 
  16/11/2008   Giornata Diocesana della Caritas  Questi sono i segni con i quali Gesù mostra che Dio è entrato nella storia dell’Uomo. La fedeltà di Dio si manifesta ed inizia il suo cammino nella nostra storia, proprio incontrando i poveri e aiutandoli, incontrando i malati e guarendoli, incontrando gli afflitti e consolandoli. 
  13/11/2008   Paolo VI, pensiero alla morte  La morte, scrive Paolo VI nel suo testamento, è “maestra della filosofia della vita.” Per ciò la meditazione sulla morte è un esercizio spesso frequentato nella storia del pensiero occidentale. 
  02/11/2008 L’intervista, Intervista  La Chiesa ricomincia dalla Parola  Luciano Monari, La Chiesa ricomincia dalla Parola (20081102) Data Copyright: 2008 Data pubblicazione: 02 novembre 2008 Responsabili: Massimo Tedeschi (curatore) Id: Monari:20081102 Monsignor Luciano Monari era uno dei quattro componenti della delegazione italiana al sinodo mondiale. Così racconta la sua esperienza 
  01/11/2008 La Bibbia in orizzontale e in verticale  La Bibbia in orizzontale e in verticale  La Bibbia è libro ispirato, parola di Dio scritta. L’identificazione tra parola di Dio e Bibbia ci viene spontanea ed è, per molti aspetti, corretta. Il Sinodo l’ha ripresa ma ha voluto completarla in due direzioni, una verticale e l’altra orizzontale. 
  28/10/2008 , Oratorio,Progetto Educativo dell’Oratorio, Oratorio  In Progress  Luciano Monari, In Progress (200810281) Data Copyright: 2008 Data pubblicazione: 28 ottobre 2008 Id: Monari:200810281 Vent’anni fa, a Travagliato, veniva consegnato a tutti gli oratori della diocesi, dal Vescovo Bruno Foresti, il Progetto Educativo dell’Oratorio. Il convegno di Travagliato è voluto dal Vescovo Luciano Monari per tracciare un bilancio della storia degli oratori e una prospettiva per le linee educative del futuro. 
  28/10/2008   Riflessione al clero Ambrosiano  È con un po’ di timore che parlo in questa assemblea del presbiterio milanese. Penso alla ricchezza di fede, di carità che è presente nella vostra chiesa; alla storia di santi che l’hanno impreziosita; penso alla grande tradizione del presbiterio ambrosiano, alle fatiche, alle tribolazioni che dovete sopportare quotidianamente, al debito che tutte le nostre chiese lombarde hanno verso san Carlo … 
  17/10/2008   La comunione tra le Chiese  Pubblichiamo il testo integrale della lettera che il Vescovo mons. Luciano Monari ha scritto a tutta la Chiesa bresciana per condividere l’esperienza compiuta durante l’estate, incontrando i sacerdoti bresciani in missione, prima in Venezuela e poi in Germania e in Svizzera 
  12/10/2008 , Parola di Dio  Parola di Dio: cuore della teologia e della pastorale  Luciano Monari, Parola di Dio: cuore della teologia e della pastorale (200810121) Data Copyright: 2008 Data pubblicazione: 12 ottobre 2008 Responsabili: Antonio Romano Id: Monari:200810121 Esiste una dimensione d’importanza che vale sempre. La parola di Dio ci è stata donata per formare l’uomo di Dio, per mettere dentro di noi la forma di Gesù Cristo. Gesù Cristo è la parola di Dio fatta carne. Noi siamo carne che deve diventare parola di Dio. Questo carattere rimane costante sempre, fa parte della struttura stessa dell’esistenza cristiana e della Chiesa. C’è anche un secondo motivo che è più contingente ed è legato esattamente al post-Concilio. Il Concilio ha desiderato nella Dei Verbum che la parola di Dio diventasse il cuore di tutta l’esperienza della Chiesa: cuore della catechesi, cuore della teologia, cuore della pastorale, cioè che tutta l’attività pastorale della Chiesa trovasse nella parola di Dio la sua legge. 
  12/10/2008 , Parola di Dio  Parola di Dio: cuore della teologia e della pastorale  Luciano Monari, Parola di Dio: cuore della teologia e della pastorale (20081012) Data Copyright: 2008 Data pubblicazione: 12 ottobre 2008 Responsabili: Antonio Romano (curatore) Id: Monari:20081012 Intervista a Mons. Luciano Monari, Vescovo di Brescia, vicepresidente CEI, rappresentante italiano alla XII Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi (5-26 ottobre 2008) 
  08/10/2008   Interventi al Sinodo nella mattina del 7 ottobre  È l’umanità gloriosa del Cristo risorto che rende viva ed efficace la parola della Bibbia così come tutta l’economia sacramentale. 
  07/10/2008 XII Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi  La Parola di Dio nella vita e nella missione della Chiesa  È l’umanità gloriosa del Cristo risorto che rende viva ed efficace la parola della Bibbia così come tutta l’economia sacramentale. 
  03/10/2008 Il bonus bresciano  Il bonus bresciano  Il bonus che l’amministrazione comunale di Brescia intende dare per i bambini neonati fa discutere; e vorrei capire il perché 
  01/10/2008   Essenziale leggere tutta la Bibbia  È l’umanità gloriosa del Cristo risorto che rende viva ed efficace la parola della Bibbia così come tutta l’economia sacramentale. In Gesù risorto sono risorte tutte le sue parole, tutti i gesti che egli ha compiuto nella sua vita terrena e che hanno contribuito a delineare la sua concreta figura umana; in Lui è risorto e quindi perennemente attuale il dono che egli ha fatto di se stesso sulla croce. 
  01/10/2008 , Sacra Scrittura, Intervista  Mons. Monari: se la Parola è egemone  Luciano Monari, Mons. Monari: se la Parola è egemone (200810011) Data Copyright: 2008 Data pubblicazione: 01 ottobre 2008 Responsabili: Annachiara Valle Id: Monari:200810011 La sua prima lettera pastorale per la Chiesa bresciana, di cui è vescovo da poco più di un anno, ha voluto dedicarla alla Parola di Dio. 
  12/09/2008   Il sapore della Parola  All’inizio di un nuovo anno scolastico è bello e significativo che ogni Comunità si ritrovi a pregare e riflettere sul tema della scuola. La scuola va vista e proposta come “evento positivo”, come momento propizio, opportuno e necessario per la crescita individuale e sociale-comunitaria. L’educazione è l’avventura decisiva della vita, quella in cui si decide la forma della persona e della libertà; è “progetto” in cui tutti (ragazzi e adulti, docenti e genitori) si possono spendere bene e con efficacia, nella differenza di ambiti e ruoli; è esperienza unificante che crea sinergie, intese, collaborazioni. Quest’anno viene proposto il tema “Il sapore della parola e le parole del sapere”. 
  02/09/2008   Parola di Dio e vita della Chiesa  È un anno ormai che sono a Brescia come vescovo e, ritrovandomi oggi con voi, il primo atteggiamento non può essere che quello del rendimento di grazie 
  22/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo ; 15  Nona Lectio divina  Come la cerva anela ai corsi d’acqua, così l’anima mia anela a te, o Dio. L’anima mia ha sete di Dio, del Dio vivente: quando verrò e vedrò il volto di Dio? 
  22/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo ; 14  Celebrazione Eucaristica  La lettura del profeta Ezechiele dice la condizione degli israeliti: queste ossa sono tutta la gente d’Israele, sono gli israeliti in esilio che vanno dicendo «le nostre ossa sono inaridite, la nostra speranza è svanita, noi siamo perduti». Di fronte a una realtà come la morte rimane difficile rispondere a quella parola che il Signore rivolge al profeta: «Figlio dell’uomo, potranno queste ossa rivivere?», potrà la morte essere assorbita nella vita? 
  21/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo ; 12  Settima Lectio divina  Riprendiamo l’elogio del ministero apostolico, e anche nello stesso tempo la apologia che Paolo fa del suo ministero, della predicazione che ha compiuto a Corinto e dell’autenticità di questa predicazione 
  21/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo ; 11  Ottava Lectio divina  Per cui se la nostra esistenza nel tempo è una esperienza di persecuzione e di sofferenza e di tribolazione, come ci aveva ricordato san Paolo nella settima lectio con l’immagine del “pugile”, che viene messo al tappeto più volte, e quindi deve sperimentare la fatica di lottare, l’umiliazione del non riuscire, del non vincere, e nello stesso tempo però non si arrende mai, è capace di riprendere. Ebbene, se questa è la nostra situazione: “chi ce lo fa fare di continuare a combattere, di continuare ad alzarci per prendere altre botte e per prendere e per sperimentare altre tribolazioni?”. Ce lo fa fare, risponde Paolo, essenzialmente la fede: «Ho creduto, perciò ho parlato» (2 Cor 4,13). 
  21/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo ; 13  Celebrazione Eucaristica  Secondo questo Vangelo ci sono due atteggiamenti che impediscono di accogliere il regno di Dio, il regno dei cieli nella nostra vita: il primo è semplicemente il rifiuto dell’invito del Signore e il secondo è la presunzione di accogliere questo invito senza che nulla cambi nella nostra vita, nel nostro modo concreto quotidiano di operare. 
  20/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo ; 9  Quinta Lectio divina  «[97]Quanto amo la tua legge, Signore; tutto il giorno la vado meditando. [98]Il tuo precetto mi fa più saggio dei miei nemici, perché sempre mi accompagna. [99]Sono più saggio di tutti i miei maestri, perché medito i tuoi insegnamenti. [1] Ho più senno degli anziani, perché osservo i tuoi precetti. [101]Tengo lontano i miei passi da ogni via di male, per custodire la tua parola. [102]Non mi allontano dai tuoi giudizi, perché sei tu ad istruirmi. [103]Quanto sono dolci al mio palato le tue parole: più del miele per la mia bocca. [104]Dai tuoi decreti ricevo intelligenza, per questo odio ogni via di menzogna» (Sal 119,97-104) 
  20/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo ; 8  Celebrazione Eucaristica  Vorrei chiedere al Signore in questa Eucarestia, nella memoria di san Bernardo, che metta nel mio e nei vostri cuori il desiderio grande di imparare l’amore autentico, quell’amore che si prende cura degli altri, che accoglie con fiducia e con gioia la vita dalle mani del Signore. 
  20/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo ; 10  Sesta Lectio divina  L’elogio del ministero apostolico che Paolo ha cercato di tessere alla fine del 2° e inizio del cap. 3° culmina in un versetto sintetico che descrive la esistenza cristiana nella sua ricchezza e dignità e profondità, e che evidentemente di riflesso esprime la ricchezza e la dignità del ministero apostolico: è un ministero inteso a produrre una esistenza nuova di questo genere 
  19/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo ; 7  Celebrazione Eucaristica  Tiro è l’immagine forse più significativa dell’autosufficienza umana. Una città difficilmente prendibile perché è costruita su un’isoletta a qualche centinaio di metri dalla terra; ricca perché con i traffici commerciali in tutto il Mediterraneo, ha potuto ammassare – dice il profeta Ezechiele – oro e argento nei suoi scrigni. 
  19/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo ; 6  Quarta Lectio divina  Paolo ha cercato di distinguere con chiarezza il suo ministero dall’atteggiamo di quelli che lui dice: «mercanteggiano la parola di Dio»; si è presentato ai cristiani di Corinto come uno che opera, che parla con “sincerità e come mossi da Dio, sotto il suo sguardo» (2 Cor 2,17). 
  19/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo ; 5  Terza Lectio divina  Il cammino che tentiamo di fare sta dentro a questa ricerca del Signore che abbraccia tutto l’arco della giornata, dall’aurora fino alle veglie notturne, con la ricerca di Dio nel santuario, con la benedizione di Dio… 
  18/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo ; 2  Celebrazione Eucaristica  Per capire la prima lettura bisogna ricordare che Ezechiele si trova in Babilonia dopo la prima deportazione – quella del 597 a.C. – quindi ci sono israeliti che vivono esuli, ma in terra Santa la vita di Israele continua: c’è ancora un re, c’è il tempio, si continuano i sacrifici e le preghiere regolarmente. Per gli esuli il ripensare a Gerusalemme e al tempio è motivo di consolazione e di speranza. 
  18/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo ; 3  Prima lectio divina  Ricordate la preghiera di Salomone nel cap. 9 del Libro della Sapienza, e ci serve per iniziare il cammino di preghiera e di ascolto della parola di Dio. Ci serve perché ci ricorda che la comprensione della parola di Dio è questione naturalmente di attenzione, di intelligenza, di riflessione, di studio, ma è prima di tutto dono della Sapienza divina, dono dello Spirito del Signore. 
  18/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo ; 4  Seconda Lectio divina  Come dicevo la seconda lettera ai Corinzi è scritta per rispondere soprattutto ad alcune critiche o accuse che vengono espresse nei confronti di Paolo e del suo ministero. 
  17/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo , 1, Lettera ai Corinzi. 2, Esercizi spirituali.2008  Introduzione agli Esercizi spirituali  Luciano Monari, Introduzione agli Esercizi spirituali (2008081701) Data Copyright: 2008 Data pubblicazione: 17 agosto 2008 Serie: Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo 1 Id: Monari:2008081701 Benvenuti, un saluto a ciascuno di voi, sono contento di passare questa settimana con voi nell’ascolto della parola del Signore. 
  17/08/2008 Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo , 1, Lettera ai Corinzi. 2, Esercizi spirituali,2008  Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo  Luciano Monari, Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo (200808170). Lectio divina con la 2ª Lettera ai Corinzi Data Copyright: 2008 Data pubblicazione: 17 agosto 2008 Serie: Noi fungiamo da ambasciatori di Cristo 1 Id: Monari:200808170 Benvenuti, un saluto a ciascuno di voi, sono contento di passare questa settimana con voi nell’ascolto della parola del Signore. 
  17/08/2008   Omelia in memoria del Papa Paolo VI  Trent’anni fa, il 6 agosto 1978, moriva Paolo VI. Era toccato a lui portare a compimento la storica decisione di Giovanni XXIII che aveva convocato il Concilio Ecumenico Vaticano II. Così come toccò a lui dirigere la Chiesa negli anni tumultuosi del dopoconcilio: anni affascinanti certo ma anche difficili, vissuti in mezzo a tensioni, paure, slanci. Vogliamo, in questa Messa, ringraziare Dio per il dono di questo straordinario Papa, così innamorato di Cristo e della Chiesa, così consapevole del problema che la modernità pone alla fede cristiana; questo Papa che ha amato e sofferto, che ha conosciuto, nel suo ministero apostolico, momenti entusiasmanti ma anche incomprensioni sciocche e ingenerose. Il Signore ci aiuti a essere suoi eredi autentici, ci doni avere il suo coraggio e la sua umiltà, di saper servire la Chiesa con la sua saggezza e il suo amore. 
  06/08/2008 ”La Voce del Popolo” n. 35 del 12/09/08  Preghiera composta da Mons. Monari in occasione del 30° anniversario della morte di Papa Paolo VI  Signore Gesù, ti rendiamo grazie per la testimonianza luminosa di Papa Paolo VI, che ci hai donato come servitore del Vangelo e Pastore Universale. Il suo amore ardente per Te, la sua passione per il bene della tua Chiesa, la sua saggezza e il suo equilibrio nei momenti di tensione hanno orientato il nostro cammino negli anni gioiosi del Concilio e in quelli non facili che sono venuti in seguito. 
  01/08/2008   La Parola di Dio e la società postsecolare  La Scrittura è strumento nel quale la vita dell’uomo tocca l’amore e viene trasformata in amore perché attraverso la Parola e nella Parola l’esistenza concreta dell’uomo si apre alla relazione personale e profonda con Dio. La Parola è il medium; e il contenuto è Dio. 
  18/07/2008   La Chiesa bresciana è vicina ai Fidei Donum  Provo un desiderio grande per tutta una serie di motivi. Mi è offerta un’occasione di scambio di fede con i fratelli bresciani che vivono in America Latina. Il cammino non è mai puramente individuale, ma è sempre un cammino i comunione. Questo deve valere per ciascuno di noi. Quando ci confrontiamo con altre persone che vivono la loro esperienza di fede con modalità diverse ci arricchiamo reciprocamente. 
  15/07/2008   Per la giornata della scuola  All’inizio di un nuovo anno scolastico è bello e significativo che ogni Comunità si ritrovi a pregare e riflettere sul tema della scuola. La scuola va vista e proposta come “evento positivo”, come momento propizio, opportuno e necessario per la crescita individuale e sociale-comunitaria. 
  04/07/2008 La parola di Dio nella vita della comunità cristiana, Lettere pastorali, Lettere pastorali, Lettere pastorali  La parola di Dio nella vita della comunità cristiana  Luciano Monari, La parola di Dio nella vita della comunità cristiana (200807041). Lettera pastorale per l’anno 2008-2009 Data Copyright: 2008 Data pubblicazione: 04 luglio 2008 Id: Monari:200807041 I motivi… possono essere tanti: stiamo vivendo l’anno paolino, che intende approfondire la conoscenza dell’apostolo Paolo e del suo messaggio; celebreremo in ottobre il Sinodo dei Vescovi, che affronterà il tema della Sacra Scrittura nella vita della Chiesa. 
  14/06/2008 Missione dei Dodici  Celebrazione Eucaristica  Gesù è di fronte alla povertà delle folle, al disorientamento, alla fatica di vivere; e questa sofferenza della gente non lo lascia tranquillo, non lo lascia inerte, la sente come qualche cosa di suo che lo coinvolge che lo costringe a rispondere. 
  07/06/2008 , ambiente, relazione  Intervento al convegno degli animatori  Luciano Monari, Intervento al convegno degli animatori (20080607) Data Copyright: 2008 Data pubblicazione: 07/06/2008 Id: Monari:20080607 Dietro la nostra cultura, cioè al nostro modo di pensare e di vivere, c’è una oggettivazione della realtà per cui tutto diviene mero oggetto. Il vero materialismo contemporaneo è questo: trasformare la materia in materiale. Anche l’uomo, il suo corpo e il suo spirito, subisce lo stesso destino: materiale funzionale al consumismo più sfrenato in nome di un supposto “benessere” da accrescere senza limiti. 
  01/06/2008   In Nomine Domini  Nello scegliere il motto del suo episcopato ciascun vescovo coglie un aspetto privilegiato della sua vita, del suo rapporto con Dio, quasi un punto di osservazione a partire dal quale egli desidera dare unità e significato a tutti i di versi aspetti della sua esperienza di fede e del ministero episcopale. 
  17/05/2008 Festival della Teologia  Che centri con noi Gesù Nazareno?  Innanzitutto lo stupore del titolo che ci è stato dato: «Che centri con noi Gesù Nazareno?» (Mc 1,24), lo ha ricordato il prof. Natoli, sono parole di un indemoniato, sono parole del principe del male, e toccherebbe a noi commentarle. 
  16/05/2008 , Avvenire  Meno male, e così sia  Luciano Monari & Salvatore Natoli, Meno male, e così sia (20080516). Comincia oggi il Festival della Teologia sul tema «Liberaci dal male» Data Copyright: 2008 Data pubblicazione: 16 maggio 2008 Responsabili: Barbara Sartori (Intervistatore) Id: Monari:20080516 È significativo che il primo miracolo di Gesù nel Vangelo di Marco sia un gesto di liberazione. La figura dell’indemoniato è come uno specchio, nel quale siamo chiamati a vedere la nostra condizione. “Uomo” nella concezione biblica vuol dire “immagine di Dio”. Dio chiama l’uomo che ha creato a partecipare alla sua santità. 
  10/05/2008   Veglia di Pentecoste  La festa delle Capanne era memoria dei quarant’anni che Israele aveva passato nel deserto, guidati dalla Provvidenza del Signore verso la Terra Promessa. La festa dura sette giorni e ha al centro il simbolo della luce e il simbolo dell’acqua. 
  27/04/2008   VI Domenica di Pasqua  In Gesù uomo Dio si è fatto vicino agli uomini e si è manifestato come amore; per questo Gesù ha allietato una festa di nozze, ha sfamato le folle, ha aperto gli occhi a un cieco, ha ridato la vita a Lazzaro. È venuto, Gesù, perché gli uomini abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza, perché siano liberi nella verità e vivano la pienezza della gioia. Abbiamo così conosciuto, attraverso Gesù, il volto di amore del Padre. 
  20/04/2008   Messa del Crisma  È la prima volta che mi trovo a celebrare con voi, fratelli carissimi, questa Messa del Crisma, il giovedì santo e lo faccio con commozione e con gioia. Mi vengono dal cuore le parole del Salmo; «Ecco quanto è buono e quanto è soave che i fratelli vivano insieme! È come olio profumato… è come rugiada dell’Hermon». 
  13/04/2008   S. Messa  Evidentemente, ciascuno di noi è attaccato alla sua vita; la difendiamo con le unghie e con i denti, cerchiamo di mantenerla sana e di riportarla sana quando siamo malati, cerchiamo di renderla bella, cerchiamo di arricchirla con un pochino di cultura, cerchiamo di creare tutta una serie di relazioni umane perché la nostra esistenza umana diventi più bella, più ricca, più buona… ci preoccupiamo tantissimo di custodire la nostra vita. 
  23/03/2008   Messa del giorno  Non so se oggi, su qualcuna delle nostre piazze, Paolo avrebbe un successo maggiore di quello che ebbe ad Atene, sull’Areopago, quando annunciò il vangelo di Gesù nell’antica capitale greca della cultura. Narra san Luca che, in un primo tempo, gli Ateniesi ascoltarono attentamente Paolo; annunciava nuove divinità e quindi solleticava la loro curiosità. 
  22/03/2008   Veglia Pasquale  Viviamo una straordinaria liturgia, questa notte; una liturgia che raccoglie in sé tutto il mistero della rivelazione e il dinamismo della esistenza cristiana. Per questo vorrei soffermarmi con voi e cercare di capire quello che abbiamo fatto e che stiamo facendo in questa notte di veglia, la madre di tutte le veglie, come è stata definita. 
  04/03/2008   Dialogo sulla speranza  La mia domanda si colloca su un piano diverso da quello della ricostruzione precisa del passato: voglio comprendere che cosa significa e comporta il fatto che io sono nato e che sono nato in certe condizioni precise; che cosa questo m’insegna sulla mia vita, sul suo senso e sul modo corretto di viverla. Mi sembra che l’interrogativo non sia evitabile. 
  25/02/2008   Il Vescovo Monari intervistato su ReteBrescia sul problema della Famiglia  Sì, credo che la famiglia è una istituzione che ha una funzione precisa nel cammino della crescita della società, e la funzione è quella della trasmissione della vita che evidentemente permette alla società di sopravvivere. Allora la famiglia è essenzialmente quello. 
  23/02/2008 Assemblea diocesana dell’Azione Cattolica di Brescia.13  Tra Piazze e Campanili  Buona giornata! Che il Signore vi accompagni e vi doni in abbondanza lo Spirito che abbiamo invocato, perché possiate essere quello che il Papa ricordava nella parte di messaggio che abbiamo ascoltato: capaci di comprendere il mondo in cui viviamo, capaci di avere un senso critico corretto, sano, che ci faccia distinguere e cogliere le cose buone che ci sono intorno a noi. 
  20/02/2008   Lettera ai Giovani  Carissimi, al momento del mio ingresso a Brescia mi avete chiesto di accompagnarvi nel cammino della vita cristiana. Da parte mia, vi avevo promesso di “esserci”: più precisamente avevo detto di essere disponibile a dirvi il senso e la bellezza della fede in Gesù Cristo, mentre mi aspetto che siate voi a dare a questa fede una “carne” concreta, che sia fatta del vostro vissuto. 
  15/02/2008 , Politica  I credenti e il momento della scelta elettorale  Luciano Monari, I credenti e il momento della scelta elettorale (200802151) Data Copyright: 2008 Data pubblicazione: 15 febbraio 2008 Id: Monari:200802151 Tra qualche mese saremo chiamati a votare per eleggere il sindaco e il Consiglio Comunale. Che cosa può interessare a un Vescovo in un appuntamento del genere? Non certo l’indicazione dello schieramento per cui votare. È una riflessione che ho fatto più volte e che ripeto ancora una volta con fermezza: sulla scelta di voto Vescovo e preti hanno il dovere di rimanere estranei. Ci sono credenti nei diversi schieramenti e rispettiamo sinceramente gli unì e gli altri. 
  15/02/2008 Omelia per i santi patroni Faustino e Giovita  Santi Patroni Faustino e Giovita  Mi dicono che, nella festa dei santi patroni, è tradizione che il vescovo rivolga una parola a tutti i Bresciani. Lo faccio anch’io volentieri: il Signore mi ha chiamato a vivere in questa città e desidero con tutto il cuore entrare nel tessuto della vita cittadina, riuscire a coglierne e ammirare l’anima, contribuire alla vita buona di tutti. 
  12/02/2008   Ho Lavorato sempre per unire Piacenza  La nostra città del futuro è un luogo in cui il problema della sicurezza diventa così grande che costruiamo tutta una serie di protezioni contro ciò che può minacciare il nostro benessere e la serenità ottenuta. 
  11/02/2008 Maria Immacolata e Annunciazione Signore  Memoria di Maria SS.  Il compito della Chiesa nel Mondo è quello di trasformare il mondo perché abbia la forma di Gesù Cristo, oppure (che è la stessa cosa) dare a Gesù Cristo un corpo nel quale Cristo possa rivelarsi dentro la storia degli uomini. 
  08/02/2008   Ulisse Sartini: ritratto di mons. Luciano Monari  La vita di una persona è una avventura, è un romanzo che procede anno in anno con trasformazioni, cambiamenti, novità, esperienze, ecc. E un ritratto in qualche modo fissa, cioè fa in anticipo quello che farà la morte. Alla fine la morte conclude il ritratto della nostra persona, della nostra avventura, e rende questo ritratto definitivo, si potrebbe dire eterno. 
  02/02/2008 Giornata mondiale della Vita Consacrata  Presentazione del Signore  Tutti i battezzati sono consacrati a Dio attraverso Gesù Cristo; tutti sono chiamati da Dio alla santità, cioè alla pienezza dell’amore; tutti debbono imparare a vivere nel mondo ma a non essere del mondo. Eppure, nella vita della Chiesa è necessario il carisma della vita religiosa che dice una forma particolare e sorprendente di consacrazione a Dio, di cammino verso la santità, di distanza dal mondo e da molte delle sue logiche di esistenza. Perché? Che cosa apporta di originale il carisma della vita religiosa nella vita di una Chiesa come la nostra? 
  01/02/2008 Volontariato: cuore amico  2008: aperti alla Speranza  Speranze buone, s’intende, ma deboli; che possono motivare qualche impegno (nel lavoro, nei rapporti sociali) ma non riescono a sostenere il peso della vita, non riescono nemmeno a confrontarsi con la tragedia della sofferenza e della morte. E siccome l’uomo si misura sulle sue speranze, dobbiamo riconoscere che siamo nani. 
  17/01/2008   Dramma al Maniva  Siamo zittiti dalla tragedia che si è compiuta su questa montagna, le parole fanno fatica ad uscire e all’improvviso ci appaiono chiacchiere, gelano dentro di noi, non riusciamo a dare loro una forma accettabile e rimaniamo muti 
  06/01/2008   Epifania del Signore  C’è un paradosso significativo nel brano di vangelo che abbiamo ascoltato. Gesù è nato a Betlemme di Giudea, la città di Davide, a pochissima distanza da Gerusalemme (otto chilometri in tutto). A Gerusalemme i sacerdoti e gli scribi conoscono bene le parole del profeta Michea che annunciano la nascita del Messia a Betlemme. Eppure nessuno di loro si muove. 
  01/01/2008 , Recensioni  A noi è andata bene  Luciano Monari, A noi è andata bene (200801011). Famiglia scuola società in un diario trentennale Data Copyright: 2008 Data pubblicazione: 01 gennaio 2008 Responsabili: Luciano Corradini (curatore) Id: Monari:200801011 Abbiamo bisogno di testimonianze come questa. È vero quello che riconosce l’autore, che “una storia familiare non dimostra niente.” Ma appunto: non è di dimostrazioni che oggi abbiamo bisogno. 
  01/01/2008   Signore, insegnaci la via della Pace  La prima lettura dell’anno nuovo è una formula di benedizione mediante la quale, dice il libro dei Numeri, il nome di Dio viene posto su Israele e Israele riceve la benedizione di Dio. La formula inizia col verbo “benedire” e termina con la parola “pace”.