Torna all’indice Indietro

Congregazioni cistercensi

Avanti

Casamariensis

La Congregazione di Casamari nacque quando, nel 1834, il monastero di S. Domenico di Sora fu unito a quello di Casamari. Le prime costituzioni vennero redatte nel 1842.

Pio IX, nel 1864, gli aggregò anche l’abbazia di Valvisciolo (Latina). L’organizzazione di queste abbazie come Congregazione apparve ancora più chiaramente nelle costituzioni del 1864, approvate dal papa, che ratificò la diretta dipendenza della stessa dalla Santa Sede, con Capitolo generale e superiore presidente.

Nel 1929, la Congregazione di Casamari ottenne l’approvazione delle nuove costituzioni “ad experimentum” e col breve Beati Petri Apostoli del 14 dicembre 1929 da parte di Pio XI e fu aggregata alle altre Congregazioni dell’Ordine Cistercense. Il 13 giugno 1943 Pio XII approvò definitivamente le costituzioni in forma di breve Cum ex Summi Pontificatus.

Attualmente la Congregazione è composta di 14 monasteri, tutti di monaci e distribuiti 10 in Italia, 2 in Eritrea, 1 in Brasile e 1 negli Stati Uniti.