Torna all’indice Indietro

Congregazioni cistercensi

Avanti

Coronae Aragonum

L’origine di questa Congregazione si inserisce nella corrente congregazionistica che si sviluppò in seno all’Ordine a causa della lontananza delle abbazie dalla casa madre. La possibilità della sua istituzione cominciò a delinearsi nel 1418, quando l’abate di Morimond evidenziò la crescente indipendenza pratica dei monasteri della penisola iberica e istituì una commissione di controllo per l’osservanza della Regola. Dopo diverse vicende, Paolo V, nel 1616, approvò la Congregazione, che continuò a mantenere vari legami con il Capitolo generale dell’Ordine. I monasteri riuniti in Congregazione erano 25, di cui 16 maschili e 9 femminili.

Nel 1626 il capitolo provinciale di Rueda approvò le costituzioni, che furono stampate nel 1790. Il testo si conserverà, senza varianti sostanziali, fino alla soppressione del 1835.

La Congregazione comprende 2 abbazie maschili, 4 abbazie e 1 residenza femminili.