I Cistercensi
O.Cist. / O.C.S.O.

 

 

Fonti           Stemma di la Ferté           Abbazie
Testi                     Congregazioni
  Storia                Architettura  
    Studi             Arte    
      Bibliografia                 Canto      
        Collaboratori                      
Stemma di Morimond                 Stemma di Cîteaux                 Stemma di Pontigny
                               
        Economia                     
      Lavoro                 Fratelli conversi    
    Liturgia     

Stemma di Clairvaux

      Monache   
  Agiografie                 Grange  
Spiritualità                   
                       
                       

Pensierino biblico

Versetto sapienziale dalla Bibbia

È meglio infatti… soffrire operando il bene che facendo il male.
(Prima lettera di Pietro 3, 17)

rssrss


Regola di san Benedetto

Lettura quotidiana della Regola di san Benedetto

Quale debba essere l'abate

[11] Quando uno dunque prende il nome di abate, deve governare i suoi discepoli con duplice insegnamento, [12] deve cioè tutto quello ch'è buono e santo, mostrarlo con i fatti più che con le parole; sicché ai discepoli capaci d'intendere proporrà i comandamenti del Signore con le parole, ma a quelli di tardo intelletto e di animo rude dovrà insegnare i divini precetti con le proprie azioni. [13] Qualunque cosa poi avrà presentata ai discepoli come contraria alla legge di Dio, mostri anche con i suoi fatti in qual modo bisogna evitarla, perché non avvenga che mentre insegna agli altri, egli sia trovato riprovevole, [14] e che Dio debba una volta dirgli per i suoi peccati: Perché tu insegni i miei precetti ed hai sempre in bocca la mia alleanza, mentre hai disprezzato la disciplina ed hai gettato le mie parole dietro le spalle? [15] Ed anche: Tu che vedevi la pagliuzza nell'occhio del tuo fratello, non hai visto la trave nel tuo.

[16] Eviti verso i suoi monaci ogni parzialità. [17] Non abbia preferenza d'amore se non per colui che egli avrà sperimentato migliore nella buona condotta e nell'obbedienza. [18] A chi è venuto nel monastero dalla condizione servile non sia anteposto chi è nato libero, purché non vi sia un'altra causa ragionevole: [19] giacché se l'abate, per esigenza di giustizia, riterrà di dover assegnare una simile precedenza, potrà farlo anche riguardo al posto di qualunque monaco; altrimenti ognuno occupi il suo posto, [20] perché, sia il servo che il libero, tutti siamo una sola cosa in Cristo e prestiamo sotto un unico Signore una medesima milizia di servitù; non vi è infatti presso Dio alcun riguardo di persona: [21] l'unico rispetto per cui Egli ci preferisce è se ci trova umili e migliori degli altri nelle opere buone. [22] Eguale carità eserciti dunque l'abate per tutti, una medesima linea di condotta segua per tutti, tenendo conto dei loro meriti.

rssregola_it Rule of saint Benedict Die Benediktusregel La Régle de saint Benoit Regla de nuestro Padre san Benito Regra de sao Bento


Catechismo della Chiesa Cattolica

Un brano tratto a caso dal Catechismo

L'attività economica e la giustizia sociale

[2433] L'accesso al lavoro e alla professione deve essere aperto a tutti, senza ingiusta discriminazione: a uomini e a donne, a chi è in buone condizioni psico fisiche e ai disabili, agli autoctoni e agli immigrati. In rapporto alle circostanze, la società deve da parte sua aiutare i cittadini a trovare un lavoro e un impiego.

rssrss



Scrivi per segnalare, per commentare, per correggere e qualsiasi altro motivo!
 

© Realizzato nel monastero cistercense della Certosa di Firenze.
I testi e le foto sono riservati.